Il nuovo allenatore del Milan sarà Alejandro Sabella, ex ct che ha portato l’Argentina alla finale dei campionati del Mondo durante Brasile 2014. Dopo tante indiscrezioni e rumors, dunque, ecco arrivare altri dettagli che, di fatto, aumentano il fattore di credibilità di questa notizia.

Certo, fa un certo effetto vedere un vicecampione del Mondo sulla panchina del Milan di questi tempi, considerando le grandi difficoltà dei rossoneri a trovare liquidità economica. Ma in questo caso ci sarebbe l’intermediazione di adidas, sponsor storico del Milan del quale il tecnico argentino è uomo immagine. Una sorta di tramite stile Conte-Nazionale italiana-Puma, insomma, anche se sembra una matassa meno complicata da sciogliere.

In tutto questo rimane una domanda aperta: che fine farà Filippo Inzaghi? A meno di clamorosi scivoloni, il tecnico rossonero rimarrà sulla panchina del Milan fino a fine stagione per poi essere sostituito. Le ultime notizie parlano dell’agente di Sabella, Eugenio Lopez, che sarebbe stato a Casa Milan per buttare giù ufficialmente le basi economiche e tecniche per la prossima stagione. Altro motivo che spingerebbe Inzaghi sempre più lontano dai colori rossoneri: è innegabile, in fin dei conti, che l’ex SuperPippo non abbia convinto nessuno.

Il portale argentino Playfutbol parla di un accordo già trovato tra Sabella e il Milan, ma su questo non ci sono sostanziali conferme. Certo è che, tra Vincenzo Montella, Eugenio Spalletti, Jurgen Klopp e ora Alejandro Sabella, una cosa è chiara: il Milan cerca un sostituto di Inzaghi.