Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano. Parole di “Amici Mai” di Antonello Venditti, pronunciate a gennaio da Adriano Galliani in merito a Kakà,  nome tornato prepotentemente di moda in queste ore. Il Milan, infatti, tratta ufficialmente con il Real Madrid l’acquisto del brasiliano. Ancora una volta, dopo averci provato la scorsa estate e nella finestra di mercato di gennaio. Questa volta potrebbe davvero arrivare il sì, perchè Kakà ha lanciato un segnale forte e chiaro che apre scenari interessanti.  Dal Riazor di La Coruna, dopo i due gol realizzati al Deportivo nel torneo Teresa Herrera, ha tuonato: “Qui per me le cose si fanno ogni giorno che passa sempre più difficili. C’è sempre meno spazio, ho voglia di giocare, per questo ho chiesto al club di essere ceduto entro lunedì. Spero si possa arrivare ad una soluzione che vada bene a tutti. Il mercato in Brasile è chiuso, voglio trovare una squadra in Europa“.

Tutti gli indizi portano al Milan, che ha già riallacciato i contatti con l’entourage del giocare. L’affare è complicato, il 31enne esploso nel San Paolo ha ancora due anni di contratto e guadagna 10 milioni di euro netti a stagione, ma Galliani, intervistato da Lancenet non ha escluso colpi di scena: “E’ sempre rimasto nei nostri cuori. E’ possibile, staremo a vedere“.  Kakà resta un’opzione, chi invece è sicuro di vestire la maglia rossonera è Alessandro Matri. L’attaccante classe 1984 è già a Milano, in mattinata sosterrà le visite mediche di rito e metterà la firma su un contratto di quattro anni da 2,6 milioni di euro netti a stagione. Alla Juventus andranno 11 milioni di euro, pagabili in 4 anni. Dal summit di Arcore tra Berlusconi, Galliani e Allegri è emersa la disponibilità del patron rossonero a rinforzare la squadra. Mettetevi comodi, sarà un finale di mercato scoppiettante.