Secondo gli spifferi provenienti da Arcore e dintorni, uno dei principali capi di accusa che Silvio Berlusconi ha rivolto a Sinisa Mihajlovic consiste nell’aver scelto un modulo che non preveda l’amato trequartista. Dai tempi di Claudio Borghi, meteora argentina che Sacchi bocciò preferendogli Rijkaard (e meno male che Silvio non s’impuntò), passando attraverso la passione sfrenata per Savicevic e Boban, e finendo a Ronaldinho, il presidente ha sempre mostrato una speciale predilezione per il ruolo del fantasista, imprescindibile nella sua visione calcistica. E fa niente se il Milan attuale non ha nessuno che possa svolgere adeguatamente le mansioni richieste a un 10, e se quando Miha ha giocato col 4-3-1-2 i risultati sono stati deficitari: Berlusconi vuole un Milan schierato con un trequartista dietro le due punte.

Per accontentare i capricci arcoriani, tuttavia, si dovrà quasi certamente aspettare la prossima stagione, nella speranza che il calciomercato Milan porti in dote il trequartista richiesto, mentre il tecnico serbo si allontanerà per sempre da Milanello. E, secondo il Corsport, ci sarebbe già un nome caldo sul taccuino di Adriano Galliani: quello di Mateo Kovacic, 22enne croato in forza (si fa per dire, visto che non gioca mai) al Real Madrid. Il ragazzo risponde a molte delle attuali esigenze rossonere: è giovane, è talentuoso ed è un ex interista, cosa che per qualche motivo a Milanello costituisce sempre un titolo di merito. Inoltre, la sua stagione tutt’altro che trionfale ne ha fatto crollare il valore di mercato: se le merengues, non si sa bene il perché, arrivarono a scucire oltre 30 milioni di euro per strapparlo a un Inter che lo aveva pagato 11, ora il prezzo del cartellino è suppergiù della metà. Dunque, alla portata del Milan.

Kovacic, ovviamente, sarebbe ben contento di tornare a Milano e rimettersi in gioco: d’altra parte, anche l’estate scorsa aveva dato il suo assenso di massima al passaggio in rossonero (in prestito secco), anche se poi arrivò l’offerta del Real Madrid a sparigliare tutto. Il croato, comunque, non è l’unico trequartista nel mirino di Galliani, che continua a seguire con grande interesse il 20enne del Rosario Central, Giovani Lo Celso.