Montella è già sulla graticola. Il tonfo a Genova contro la Samp ha fatto piovere critiche sull’attuale tecnico del Milan, tanto che esce già il nome del sostituto.

Fassone su tutte le furie

Furente Marco Fassone davanti ai microfoni: “Oggi siamo arrabbiati e sono venuto a parlare perché queste sconfitte non devono essere considerate come routine: il Milan non deve perdere contro avversarie ritenute più deboli di noi, ha ammesso l’amministratore delegato rossonero. “Ci aspettavamo degli ostacoli e ci aspettavamo che i primi sei mesi sarebbero stati più ostici: i giocatori sono nuovi, siamo preparati a questi ostacoli, la seconda parte del cammino in teoria sarà più semplice. Ma oggi non ci è piaciuto l’atteggiamento, non deve avere alibi alle spalle e deve essere cambiato velocemente“.

L’autostima viene coi risultati

Un cambio di marcia inevitabile per ripetere simili errori: “Credo che il fatto di giocare contro avversari di questo livello incida sul livello attitudinale in un certo modo, mi aspetto che queste gare vengano affrontate in modo diverso, sono avversari diretti e mi aspetto vengano affrontati in maniera diversa rispetto ad oggi”. Ed alcuni si chiedono già se il Milan non sia abbastanza attrezzato per incontri di un certo livello: Non so se sia un questione di avversario di livello spiega l’ad del Milan -. La Samp non credo sia del nostro livello, Giampaolo è stato bravissimo, ci ha imbrigliato, gli vanno fatti i complimenti, ma il Milan è più forte della Samp e deve approcciare alla partita in modo diverso”. Battuta d’arresto che rischia di inficiare sull’autostima: “L’autostima non arriva fa un giorno all’altro, ma con in risultati, la confidenza ci sarebbe dovuta essere, in campo non si è vista e mi auguro arrivi quanto prima”.

Decisivi gli scontri diretti

Se Montella non invertirà la rotta, i piani rossoneri portano dritto a Walter Mazzarri. Il tecnico toscano, che ha già allenato Napoli e Inter, è stato esonerato dal Watford. Il destino dell’Aeroplanino è legato all’esito degli imminenti scontri diretti contro Roma e Inter.