Dal vertice di mercato di Arcore, tra Silvio Berlusconi, Barbara Berlusconi, Adriano Galliani e Filippo Inzaghi è emerso il nome di Ezequiel Lavezzi. E’ questo ora il profilo che il Milan segue. Il summit è durato oltre due ore e mezza, accompagnato naturalmente dalla cena.

Il Pocho pare essere ormai separato in casa a Parigi e potrebbe anche ridursi l’ingaggio pur di tornare in Italia. Non dimentichiamo che, anche quando era al Napoli, si era parlato di un possibile trasferimento in rossonero. Prima che irrompesse il Paris Saint Germain. Galliani ha avuto ufficialmente il via libera per trattare, il tempo per chiudere l’operazione c’è tutto.

Lo scoglio è rappresentato dalle cifre alte. Ma il Milan e il Psg hanno un canale preferenziale aperto, come dimostrano i trasferimenti di Ibrahimovic e Thiago Silva in Francia. Galliani può quindi trattare direttamente con il patron Nasser Al-Khelaïfi e anche questo è un punto a favore. Se Di Maria dovesse davvero approdare alla squadra francese, un Lavezzi già poco contento (e senza rinnovo del contratto) potrebbe puntare i piedi e chiedere di andare via.

A Milano, ci sono diversi amici dell’argentino. Sua moglie avrebbe di che divertirsi trovandosi nella città della moda. Al momento, il cartellino costa 18 milioni di euro, mentre all’attaccante esterno potrebbero bastare quattro milioni di euro l’anno. Potrebbe essere il “regalino” di cui parlava a sua volta Galliani: l’uomo giusto per interpretare il 4-3-3 che ha in mente SuperPippo. Non solo: la famiglia Berlusconi approva il suo nome pure per ragioni di marketing.