Milan e Kessie, parti in netto avvicinamento. L’ad rossonero Marco Fassone e il numero uno dell’Atalanta Antonio Percassi si sono dati appuntamento a Milano per parlare del centrocampista ivoriano.

Guerra alla Roma

Fassone è arrivato intorno alle 18.35 in centro, accompagnato dal nuovo segretario generale rossonero Giuseppe Mangiarano. Nel corso del vertice il Milan ha mostrato interesse per il giocatore, ma il club orobico ha risposto di avere già un accordo con la Roma. E resta pertanto in attesa di una contromossa giallorossa. Le parti si ritroveranno settimana prossima allo scontro diretto dell’Atleti Azzurri d’Italia. Oltre tre ore di incontro, che sono servite ai rossoneri per pareggiare l’offerta della Roma. Dalla capitale hanno richiesto un nuovo incontro, anche se resta complicato convincere il giocatore. Che pensa solamente al Milan, disposta sin dall’inizio ad accettare le sue richieste. A far pendere la bilancia verso Milano un ingaggio che batte nettamente quello della Roma. E l’Atalanta, soddisfatta dalla proposta di Fassone, non impedirà che la trattativa vada in porto.

Monchi: “Kessie? Siamo solo all’inizio”

Chi non vuole mollare la presa è però il ds Monchi. Forte dell’accordo con Percassi a 25 più bonus, ha deciso di fare un ultimo tentativo, alzando la prima offerta da 1,2 milioni a stagione per il contratto: Kessie è una possibilità, siamo all’inizio della trattativa. Parliamo di un ottimo giocatore che già conoscevo”, il commento del dirigente spagnolo, impegnato tra l’altro in un colloquio con l’agente di Defrel e Pellegrini, Pocetta, prima della sua conferenza stampa.

Musacchio a sistemare la difesa

Se l’affare dovesse concretizzarsi il Milan regalerebbe alla piazza un altro innesto di valore dopo Mateo Musacchio. Come raccontato ieri, il club rossonero ha raggiunto un accordo col Villarreal per il difensore classe ‘90. Trattato a lungo già nell’ultimo estate, il difensore costa 18 milioni. Al giocatore un quadriennale, ma l’ingaggio è in via di definizione.