Giornata importante per il calciomercato Milan. Come confermato anche da Milan Channel, questo pomeriggio Adriano Galliani si recherà personalmente a Montecarlo: obiettivo dichiarato, Geoffrey Kondogbia, uno dei migliori prospetti europei nel ruolo di mezzala, un all around alla Pogba su cui i rossoneri vorrebbero fondare la mediana di oggi e di domani. La notizia è che in realtà Milan e Monaco avrebbero già raggiunto un’intesa di base: 27 milioni di euro più 3 di bonus, a fronte dei 35 richiesti dal club del Principato. Resta da convincere definitivamente il giocatore, ed è per questo che la missione di Galliani diventa fondamentale. L’Arsenal, infatti, ha sempre una corsia preferenziale con il calcio francese e con il Monaco in particolare, e ha intenzione di inserirsi prepotentemente, contando sull’ascendente di Arsene Wenger e su una disponibilità economica superiore. Ma il Milan, che ha offerto al francese 3,5 milioni di euro all’anno per quattro anni, si sente sicuro di poter strappare il sì di Kondogbia, esattamente come ha fatto con Jackson Martinez, altro grande obiettivo dei Gunners. Stasera l’incontro che con ogni probabilità indirizzerà la trattativa sui binari definitivi.

Nel frattempo, il Milan sta per completare un altro innesto a centrocampo: innesto si fa per dire, visto che parliamo di Nigel De Jong. L’olandese, in scadenza di contratto, sembrava da tempo destinato a tornare in Premier League, ma il cambio di rotta strategico dei rossoneri, e l’arrivo di Sinisa Mihajlovic al posto del poco amato Inzaghi, lo ha convinto a sedersi al tavolo delle trattative. E l’accordo è stato effettivamente raggiunto per un biennale a 2,5 milioni di euro netti a stagione più bonus. Niente da fare, invece, per Kevin Prince Boateng: il ghanese si era offerto al Milan, ma i rossoneri al momento non sono interessati e il giocatore finirà per raggiungere il suo amico Sneijder al Galatasaray.

Per quanto riguarda il settore offensivo, è finita momentaneamente in freezer la suggestione Ibrahimovic. Non si è consumato lo strappo immediato con il PSG, come probabilmente il Milan si sarebbe augurato, ma allo stesso tempo non è stato fatto alcun annuncio particolare da parte della dirigenza transalpina sulla permanenza dello svedese, segno che i giochi sono tutt’altro che fatti. Il Milan continuerà a monitorare la situazione: in caso di rottura tra Ibra e il PSG sulla questione del rinnovo, allora Galliani si farà sotto. Intanto, i rossoneri volgono lo sguardo altrove: oltre a Luiz Adriano, già bloccato per gennaio (ma potrebbe arrivare anche prima, se si trova l’accordo con lo Shaktar Donetsk), piacciono molto i profili di Mohamed Salah del Chelsea, visto quest’anno con la Fiorentina, e del talentuosissimo Marko Pjaca, croato di 20 anni che in patria hanno già paragonato a Zvonimir Boban e Dejan Savicevic. Non proprio due nomi che lasciano indifferenti i tifosi rossoneri.