Adriano Galliani è atteso questo pomeriggio a Montecarlo, dove con ogni probabilità incontrerà la dirigenza del Monaco, nuova superpotenza economica del calcio europeo, per trattare la cessione di Kevin-Prince Boateng (foto by InfoPhoto). Il ghanese, legato al Milan da un contratto fino al 2015 e non fino al 2014 (rivelazione di ieri dello stesso a.d. rossonero), verrà proposto ufficialmente ai monegaschi, dopo gli incerti abboccamenti delle passate settimane. Ma, inevitabilmente, ci sarà tempo e modo di parlare anche del futuro di El Shaarawy, che sicuramente alletta maggiormente i franco-russi.

Trattativa tutta da costruire, quella per il 10 rossonero. Il Monaco, dagli torto, non è disposto a svenarsi per un giocatore che, per dirla alla Mourinho, ha dato bella mostra di sé più dall’hairstylist che sul rettangolo verde. Boateng stesso non sembra aver gradito il fatto di essere stato inserito alla voce “esuberi” e non ha intenzione di facilitare le cose ai rossoneri: ovvero, si leva di torno solo per un robusto incremento del proprio ingaggio. E il Milan si barcamena su un fragile equilibrio: non può svendere un tizio valutato 15 milioni di euro solo due stagioni fa, e al contempo deve racimolare in fretta gli spiccioli necessari per partire all’assalto di Carlitos Tevez.

Ci vorrà, insomma, un colpo da maestro di Adriano Galliani, per uscire dal Casinò di Montecarlo con le tasche piene ed El Shaarawy salvo. O, vista la location, un proverbiale colpo di culo.