Con il calciomercato estivo già iniziato da un pezzo e, anzi, con due affascinanti e irrinunciabili vetrine come gli Europei di Francia e la Copa America Centenario, entrato nel vivo della frenesia da compravendita, il mercato del Milan è rimasto al più classico, e in questo caso sorprendente, dei “se ci sei batti un colpo”. E il colpo è stato finalmente battuto con il club rossonero che ha spiazzato tutti assicurandosi il cartellino di Gianluca Lapadula, goleador della Serie B (30 reti stagionali playoff compresi) con il Pescara neo-promosso.

Spiazzamento davvero su tutti i fronti riguardo a questa operazione del Milan che fino ad ora era stata capace solamente di prendere l’esterno del River Plate Leonel Vangioni a parametro zero, scegliendo non protagonista di Euro 2016 o della Copa America ma un giocatore del campionato cadetto, anche se illuminato dai riflettori dei media dopo la splendida stagione del Pescara culminata con la promozione. Una trattativa lampo, come la fulminea rapidità con la quale l’attaccante torinese con passaporto peruviano arriva spesso al gol, aperta e chiusa nello spazio di poche ore: soffiato al Genoa di Preziosi (che ovviamente non l’ha presa bene) mentre stava firmando il contratto con il club rossoblu.

Cifre non astronomiche nei costi di tale operazione, e in linea con una spending review in attesa di conoscere il futuro societario del Milan, tuttora senza guida tecnica: 9 milioni più 1 di bonus e un contratto quadriennale a 1,2 milioni di euro a stagione per Lapadula. Una manovra condotta dal solito ad rossonero Galliani dietro un assai probabile diktat berlusconiano. Cosa che farebbe ipotizzare un forte ritorno di fiamma da parte del Cavaliere, che forse forse non vuol proprio cedere il suo Milan ai cinesi.

Intanto il giocatore è arrivato a Milano per effettuare le visite mediche alla clinica “la Madonnina” dove, intervistato per l’occasione, ha ringraziato in primis Pescara e tutto il popolo di tifosi abruzzesi, Oddo e poi Galliani e Berlusconi che lo hanno voluto in rossonero: “Ho voluto fortemente il Milan. È stata una trattativa lampo. Ringrazio il dottor Galliani e il Presidente Berlusconi per la fiducia. Auguro al presidente una pronta guarigione“.