Alessio Cerci (foto by InfoPhoto) è a un passo dal Milan. Di nuovo. Dopo il lungo e infruttuoso inseguimento della scorsa sessione di calciomercato, quando il possibile trasferimento dal Torino fu fermato dal più insormontabile degli ostacoli (difficile comprare giocatori senza spendere moneta sonante), Adriano Galliani è riuscito a piazzare lo scatto giusto in prossimità del Natale e ad avvicinarsi all’esterno destro che mister Inzaghi aveva chiesto sin dall’inizio del raduno, superando la concorrenza dell’Inter, anch’essa svantaggiata dal fatto di non avere soldi.

Cerci al Milan, Torres all’Atletico Madrid

Chiave dell’operazione, ovviamente, l’ormai sempre più probabile passaggio di Fernando Torres all’Atletico Madrid. Tecnicamente non si può parlare di scambio di prestiti, in quanto in realtà lo spagnolo è sempre un giocatore del Chelsea e saranno i Blues a formalizzare quel ramo della trattativa, ma i garbugli burocratici contano relativamente, quel che importa è la sostanza: i due giocatori si invertiranno la casacca nella speranza di trovare più spazio di quanto non ne hanno trovato finora. La formula proposta dal Milan è quella del prestito gratuito con diritto di riscatto a fine stagione attorno ai 10 milioni di euro, mentre il giocatore continuerà a percepire il medesimo ingaggio (2,5 milioni di euro).

Con l’arrivo dell’esterno di Velletri, Inzaghi potrebbe finalmente avere il tassello mancante del suo albero di Natale, inteso come modulo. Bonaventura-Menez-Cerci: nulla di lontanamente assimilabile ai gloriosi antenati ancelottiani, ma sicuramente un buon modo per provare l’assalto al terzo posto.