In crisi di risultati, con un allenatore in bilico e un presidente che ha chiuso i rubinetti da tempo. E’ questa la descrizione del Milan, lontano tredici punti dalla vetta e costretto ad accelerare per risalire la classifica e lottare per un posto Champions, obiettivo primario della stagione. La rosa a disposizione di Allegri, candidato numero uno ad essere l’erede di Prandelli sulla panchina dell’Italia, è quella che è, Galliani a gennaio dovrà ricorrere a tutta la sua esperienza per trovare rinforzi low cost. Il Milan non ha un grande budget da investire sul mercato, ma qualcosa farà. Dopo Rami, arrivato dal Valencia in prestito con diritto di riscatto fissato a sette milioni di euro, sbarcherà a Milano anche Honda, in scadenza di contratto con il Csk Mosca.

Un difensore e un centrocampista sono arrivati, servono ora un portiere e un difensore di fascia. Tra i pali il grande obiettivo è Iker Casillas, numero uno spagnolo che con Ancelotti al Real Madrid fa panchina. Rispetto a qualche settimana fa il prodotto della cantera merengue ha cambiato idea, niente Real a vita, se continuerà a restare fuori cercherà un altro club : “Se fra tre mesi le cose non cambiano e qualcuno mi chiederà del mio futuro, al massimo risponderò che potrei pensare di andar via“. per il ruolo di esterno, Galliani segue Jordan Lukaku, fratello dell’attaccante del Chelsea ora all’Everton Romelu. Classe 1994, ha il contratto in scadenza con l’Anderlecht nel 2015. L’altro nome sulla lista degli scout rossoneri è quello di Marvin Plattenhardt, tedesco classe 1992 del Norimberga che a giugno si libererà gratis.