Parole, parole, parole. Soltanto parole tra Andrea Belotti e il Milan, ma nessuna offerta concreta. A sostenerlo il numero uno granata Urbano Cairo.

Cairo: “Non ho sentito nè il Milan nè il Psg per Belotti”

“Belotti si è sposato, credo sia in viaggio di nozze e non l’ho più sentito – ha dichiarato il presidente del Torino in un’intervista a Tmw -. Purtroppo non sono riuscito ad andare a Palermo per il matrimonio, ma in quella occasione ha fatto a lui i miei auguri. Con Belotti siamo legati a lui da un contratto fino al 2021, poi chiaramente è molto importante che lui resti contento come mi auguro che sia. Nessun contatto con il Milan, nemmeno col Paris Saint-Germain: sono più notizie giornalistiche. Resto o non resto, un dilemma che assilla il bomber azzurro, salito alla ribalta nell’ultimo campionato, con 26 gol in 35 presenze. Un dubbio tuttora irrisolto: il Milan aveva tentato un approccio settimane fa, prima di buttarsi su Andre Silva.

Hart un capitolo chiuso

Il direttore sportivo Petrachi ha messo finora a segno gli acquisti di Lyanco e Milinkovic-Savic, nuove pedine per ambire seriamente all’Europa. A tenere banco sono al momento Daniele Baselli, vicino al rinnovo, e Lucas Castro del Chievo Verona, possibile rinforzo per il centrocampo: Baselli è con noi da due stagioni e vogliamo che rinnovi.  Castro invece è un buon giocatore, non c’è dubbio, ma è sempre del 1989 e tutto dipende dalle valutazioni economiche che farà il Chievo su di lui. Ha 28 anni, non sono pochi”. E sui portieri andrà fatto uno sforzo, dopo l’addio di Joe Hart: “Hart ha fatto con noi un’esperienza di un anno, non credo ci siano altre possibilità di rivederlo in granata. È un capitolo chiuso, ha sancito Cairo. “Per quanto riguarda Sirigu, invece, vediamo: non parlo di calciatori non miei”.