Calciomercato Milan che vive già settimane intense, nonostante la stagione in corso abbia la possibilità di regalare ai rossoneri il primo trofeo dopo anni di bocca asciutta. In ballo, inoltre, c’è la trattativa che potrebbe portare ai vertici del club una nuova proprietà dopo 30 anni di Berlusconi e, last but not least, il nodo legato all’allenatore.

E’ però anche ovvio che la dirigenza stia già muovendosi per dare un indirizzo ben preciso al mercato, senza perdere settimane e terreno preziosi rispetto alla concorrenza.

L’attacco è il reparto che in questi giorni è più investito da voci. Alcune vogliono il ritorno di Zlatan Ibrahimovic. I tifosi sognano e lo svedese lo lascia fare con dichiarazioni di apertura (“Mi piacerebbe tornare a giocare in seire A”).

L’operazione, però, non è certo facile. Sulla negoziazione con Raiola (Ibra ha un contratto in scadenza col Psg) pesa inevitabilmente il maxi-ingaggio dell’attaccante.

Ecco perché il Milan ha pronto anche un piano B. Si chiama Edin Dzeko. Anche in questo caso, però, la trattativa appare complicata. Il bosniaco è reduce da una stagione deludente (8 gol a fronte dei 16 milioni spesi dalla Roma per strapparlo al City) ma la Roma valuterebbe l’attaccante non meno di 13 milioni di euro per non mettere a bilancio una minusvalenza. L’ingaggio, inoltre, è pesante con 4,5 milioni di euro netti a stagione.

Molto dipenderà dal destino di Carlos Bacca, attratto dalla Cina. Sarebbe un vero affare per il club rossonero, che dall’operazione potrebbe ricavare almeno 30 milioni di euro. Un cospicuo tesoretto da reinvestire sul mercato.