Si concretizza l’interesse del Milan per Belotti. Il club rossonero ha pronta un’offerta da presentare al Torino.

Belotti: contropartite per abbattere la quotazione

Improbabile che qualche squadre offrirà i 100 milioni di euro inseriti nella clausola rescissoria per il numero 9 granata. Milan e Manchester United lo valutano 60 milioni di euro. Nell’incontro fra gli uomini mercato delle due squadre Mirabelli e Petrachi sono state però discusse anche possibili contropartite tecniche. Un nome caldo Niang, che il Watford potrebbe decidere di non riscattare. Ma anche Kucka e Poli sono giocatori venuti fuori dall’incontro di settimana scorsa. Centrocampisti graditi al tecnico serbo. Dal canto suo il Milan ha manifestato interesse per Zappacosta e Baselli. Se inclusi in un’unica operazione potrebbe esserci uno sconto.

Torino riluttante

Il centravanti della Nazionale italiana ha conquistato big di mezza Europa coi suoi 25 gol in campionato. Che in estate scateneranno un’asta per rinforzare il loro attacco. Ma non è detto che il Gallo partirà, a sentire Urbano Cairo: “E’ nostro fino al 2021 e non ci sono dubbi in materia”, ha commentato il presidente del Toro a margine della della premiazione de “Il Bello del Calcio”. “C’è una clausola che se pagata dall’estero mi toglierebbe ogni voce in capitolo e se questo non accade entro un tempo molto breve dobbiamo decidere tutto. Da parte mia la volontà di tenerlo è assoluta. Noi non è che aspettiamo una proposta, il giocatore lo vogliamo tenere punto e basta. A parte la clausola, per il resto l’obiettivo è tenerlo perché sarà un bene per lui e per noi”. Sulla punta aveva già parlato il ds del Torino Gianluca Petrachi:Non credo che una squadra italiana possa prendere Belotti e lui vuole restare da noi. La sua posizione cambierà solo se dovesse arrivare un top club che punta allo Scudetto o alla Champions”.