Da quando è stato ufficialmente scaricato dal Liverpool e, considerata la stagione in Premier League a dir poco magra e infelice (1 solo gol e 16 presenze rappresentano l’annata più disgraziata per l’attaccante azzurro), senza remissione di colpa, dal tecnico Brendan Rodgers che lo scorso anno di questi tempi lo avevo scelto come top player in attacco per sostituire la partenza di Luis Suarez, torna in auge il nome di Mario Balotelli per quanto riguarda il mercato italiano, visto che altrove, tranne forse in Turchia, in Cina e negli Emirati Arabi, il mercato del centravanti dei Reds risulta piuttosto complicato.

Dopo alcuni rumors della settimana precedente relativi a un interessamento da parte della Lazio all’ex giocatore di Milan, Inter e Manchester City, anche i tabloid inglesi hanno rilanciato questa ipotesi parlando soprattutto di una proposta avanzata, da bravo venditore qual è, dal suo procuratore Mino Raiola, già complice di Lotito nella felice trattativa portata a termine con un altro suo assistito: Ricardo Kishna. Tra tutte le testate britanniche, il Daily Mirror è quello che si è esposto maggiormente in questi termini raccontando di un accordo raggiunto col Liverpool sulla base di un prestito a 1,5 milioni di sterline (più di 2 milioni di euro) più un riscatto a 18 milioni di euro, vincolato alla qualificazione dei biancocelesti in Champions League.

Dettagli ulteriori sulla presunta intesa, sempre secondo il Daily Mirror, svelano che il presidente Claudio Lotito intenderebbe pagare soltanto il 30% dei 5 milioni percepiti come ingaggio annuale da Balotelli lasciando il 70% al Liverpool, colpevole di aver fatto terra bruciata intorno al giocatore.