Clamoroso ‘cambio’ nella batteria degli attaccanti della Juventus secondo l’edizione odierna della Gazzetta dello Sport. Il Valencia del nuovo proprietario di Singapore avrebbe infatti presentato ai campioni d’Italia un’offerta per Fernando Llorente, tornando alla carica dopo i primi abboccamenti di giugno. Gli spagnoli hanno offerto 10 milioni di euro, giudicati insufficienti dal club di corso Galileo Ferraris. Marotta Paratici valutano l’ariete di Pamplona 20 milioni. Ma la trattativa è in corso.

Tanto è vero che gli emissari di mercato juventini hanno iniziato a parlare con l’entourage di Radamel FalcaoEl Tigre, attualmente al Monaco. Il sudamericano sarebbe il sostituto di Llorente, non come caratteristiche però. Per Falcao, però, si lavora sul prestito. L’estate scorsa, dal Principato partì infatti un’offerta di 60 milioni di euro per assicurarsi il bomber, poi infortunatosi molto presto.

A sorpresa, proprio i proprietari del Monaco hanno deciso di ridurre il budget. Niente spese folli, necessità anzi di cedere qualche pezzo pregiato. Falcao è naturalmente tra questi. Chiaro che su di lui, dovesse essere messo ufficialmente sul mercato, si scatenerebbe la bagarre. Ecco perché la Juve ha provato ad anticipare i tempi. Tra l’altro, Falcao a Montecarlo guadagna 12 milioni netti l’anno, ingaggio fuori portata per Andrea Agnelli & C., che avrebbero bisogno anche in questo caso dell’aiuto dei francesi.

Ultima considerazione, puramente tecnica: Llorente è sembrato il più in palla nell’attacco della Signora di Allegri. Avrebbe un senso lasciarlo andare via affidandosi a un giocatore reduce da un lungo infortunio?