Si sussegono senza soluzione di continuità le voci sulle possibili cessioni di Arturo Vidal e Paul Pogba da parte della Juventus.

Nelle ultime ore sono spuntate per Pogba le ipotesi Psg (l’offerta potrebbe essere 78 milioni di euro al club e 8 a stagione al calciatore, laddove lo stipendio della Juve non supera i 4,5) e Real Madrid. El mundo Deportivo parla di Barcellona per Vidal. Queste sono solo le notizie recenti.

Per i tifosi bianconeri è sempre un onore e un privilegio sapere che i propri beniamini sono pezzi pregiati del mercato. E’ a dir poco entusiasmante riscontrare che i maggiori top club mondiali tengono gli occhi fissi sulla Juve. Questo denota che i Campioni d’Italia vantano giocatori di primordine e quindi che la squadra ha un valore assoluto elevatissimo.

Con le offerte super milionarie che, secondo le varie testate nazionali e internazionali, dovrebbero essere recapitate in Corso Galielo Ferraris, Marotta e soci potrebbero costruire una compagine straordinaria come accadde all’allora dirigenza juventina quando fu ceduto Zidane.

Bisogna anche ammettere che in tempi di estrema ristrettezza economica rinunciare a quantità esorbitanti di denaro pare quasi un oltraggio.

E’ vero inoltre che pareggiare offerte di stipendio come 8 milioni di euro è impensabile per la Juve e che certi campionati stranieri affascinano parecchio i giocatori.

Tutto ciò ammesso, ai tifosi sorgeranno spontanee alcune riflessioni.

Ieri Andrea Agnelli ha affermato ‘la Juventus è una società compratrice non venditrice’. Sono parole chiare e precise.  I bianconeri sono essi stessi un club di primo piano che vuole puntare, con il tempo, a salire sul tetto d’Europa.

Allora perché privarsi di alcuni campioni ancora giovani per poi utilizzare il denaro per acquistarne altri? Forse è meglio tenere i vari Vidal e Pogba cercando, con tempo e pazienza, di gettare le basi per costruire una compagine straordinaria in tutte le posizioni. Come accaduto lo scorso anno, seppur con le dolorose cessioni  di Giaccherini e Matri (non sono Vidal e Pogba), la Juve è riuscita a portare a Torino un giocatore come Tevez non spendendo nemmeno tutto il ricavato. Non si possono dimenticare, poi, operazioni geniali come quella che ha fatto sbarcare Llorente sotto la Mole a costo zero. E’ vero che non sempre vi sono clamorose opportunità, ma una dirigenza capace come quella bianconera le può scovare.

Bisogna aggiungere , infine, che è anche un tantino fastidioso per i tifosi bianconeri udire sempre che il loro club deve cedere i pezzi pregiati. La Juve non deve essere considerata la gioielleria dei top club europei.