Vendere per comprare. Anche se la Juventus ha fatto un salto in avanti dal punto di vista del fatturato, ha ancora la necessità di cedere per trovare i fondi necessari per fare mercato. E’ presto per parlare di addii sicuri, ma qualcosa si muove, soprattutto sul fronte Pirlo. Il centrocampista bresciano è in scadenza a giugno, ufficialmente ascolterà proposte di rinnovo a partire dal 2014,  in realtà si sta guardando intorno. Nella sua testa sta crescendo la voglia di provare un’esperienza all’estero, prima di appendere gli scarpini. La standing ovation del Bernabeu è un segnale forte e chiaro, a Madrid sarebbe il benvenuto e ritroverebbe Ancelotti, occhio però all’insidia inglese, che arriva da Londra. Secondo la stampa inglese il Tottenham sarebbe pronto ad offrirgli un triennale, ipotesi che ingolosisce Pirlo, che chiuderebbe la carriera in un club ricco, con grandi ambizioni.

Oltre a Pirlo, la Juventus la prossima stagione potrebbe fare a meno anche di Fabio Quagliarella. L’attaccante napoletano ha ancora un anno e mezzo di contratto, ma ha voglia di vivere il sogno americano. Il suo agente Beppe Bozzo nei giorni scorsi è stato negli Usa, a colloquio con il vice presidente dell’MLS J Todd Durbin, per studiare le proposte. Quagliarella è un’idea di New York Red Bulls e dei New York Cosmos, glorioso club degli anni ’70, pronti a tornare nel calcio che torna.

Intanto Marotta cerca un attaccante esterno, oltre a Menez del Paris Saint-Germain piace Wilfried Zaha, classe 1992 del Manchester United. A gennaio farà la valigia perchè sorpreso in atteggiamenti intimi con la figlia di David Moyes, tecnico dei Red Devils. La Juventus lavora per un prestito con diritto di riscatto.