Mentre il mercato in entrata della Juventus, col ritiro finalmente entrato nel vivo e mister Allegri può cominciare a lavorare con i nuovi innesti, è sempre più attivo sul fronte trequartisti (molte le piste seguite dai vertici del club bianconero, da Isco a Özil, da Götze a Draxler con il fantasista dello Schalke 04 in netto vantaggio su tutti per una trattativa che potrebbe aver rapidi tempi di risoluzione), a Vinovo mancherebbe un altro tassello per ultimare il mosaico di un organico rinforzato in tutti i suoi reparti, quello dell’esterno sinistro di difesa.

La situazione della rosa bianconera risulta in effetti deficitaria per quanto concerne quel ruolo con Evra che, vista una certa età, necessita di alternative un po’ più fresche e Asamoah è più esterno da centrocampo a cinque che terzino sinistro. Non essendo amplissimo il ventaglio di possibilità offerte dal mercato su quel fronte, la Juventus ha individuato un nome il cui profilo potrebbe essere compatibile con quello desiderato dal tecnico livornese. Si tratta di Guilherme Siqueira dell’Atletico Madrid, vecchio pallino del Milan.

Per Siqueira, classe ’86 dunque non giovaniussimo, ex Granada, Benfica e Udinese, brasiliano con passaporto italiano (importante ai fini della questione extracomunitaria), l’Atletico Madrid chiede 10 milioni di euro tondi. L’ad Giuseppe Marotta ha già dato avvio alla trattativa trovando terreno estremamente fertile nella disponibilità del giocatore a venire a vestire la maglia di un grande club come la Juventus, la soluzione del prestito con diritto/obbligo di riscatto però non è gradita dai vertici Colchoneros che preferiscono la cessione in via definitiva e cash. Bisogna inoltre battere la concorrenza del PSG, l’altro club fortemente interessato al giocatore ma le prospettive rimangono sostanzialmente buone avendo i de club già condotto in porto l’affare Mandzukic.