Diario di bordo a Vinovo: 2 gennaio è una data che possiede l’eminente significato dell’ingresso a pieno titolo nel mercato invernale. Dopo i rinforzi acquisiti nella finestra estiva del calciomercato, adesso la Juventus si concentrerà solo ed esclusivamente su uno massimo due acquisti mirati. Magari convogliando sforzi economici in un’unica direzione. In questi termini, il nome individuato per il mercato di gennaio è solo uno e corrisponde a un vecchio pallino dell’a.d. Beppe Marotta: Ilkay Gündogan.

Il club bianconero è infatti tornato a insistere sul centrocampista del Borussia Dortmund poiché pretende un altro giocatore d’indiscutibile livello per il suo centrocampo, per rilanciarsi in maniera ancor più preponderante in campionato, per garantire qualità anche sul piano Europeo in Champions League (il prossimo avversario della Juve sarà, coincidenza, anche un acerrimo avversario di Gündogan, ovvero il Bayern Monaco) e per tutelare un reparto speso rimasto sguarnito a causa dei tanti infortuni (Marchisio, Khedira), cautelandosi rispetto all’impegno multifronte al quale verrà sottoposta la squadra allenata da Allegri nei prossimi mesi.

Venendo più nel concreto all’affare che porterebbe al centrocampista di Gelsenkirchen ma di origine turca, esiste in merito già una trattativa mediante la quale la Juventus avrebbe messo sul piatto 30 milioni di euro tondi poiché l’intenzione è appunto quella di far vestire la casacca bianconera a Gündogan direttamente a gennaio. Somma importante considerando che il giocatore è stato lontano dai campi per più di un anno per un infortunio alla schiena, e nonostante ciò la cifra è stata rifiutata dal Borussia Dortmund che vorrebbe tenersi il suo gioiello almeno fino a giugno, sperando di scatenare un’asta al rialzo tra i grandi club d’Europa. Tuttavia in questi giorni i vertici juventini sono in procinto di avanzare una nuova e più cospicua offerta per avere aggiudicarsi a ogni costo il tedesco.