In casa Juve è partita la caccia all’erede di Buffon. Il posto sembrava ormai garantito per Wojciech Szczesny, prelevato nello scorso agosto, e invece ultimamente si fa strada l’idea di un colpo a sorpresa.

Buffon: l’assalto finale alla Champions League

A gennaio ‘Supergigi’ soffierà le 40 candeline. Correva l’estate 2001 quando approdò a Torino, in piena rifondazione. Zidane era ormai passato alla ‘Casa Blanca’ per 150 miliardi di vecchie lire, da reinvestire immediatamente sul mercato. Sotto la Mole Antonelliana ecco così tanti volti nuovi, tra cui il portierone di Massa Carrara, che aveva impressionato nelle stagioni al Parma. Affidati a lui i guantoni, non li cederà più: per oltre 15 anni diverrà guardiano della quasi invalicabile porta bianconera. Tra scudetti e tempeste (Calciopoli e Serie B su tutti) Buffon non ha mai tradito il popolo bianconero. In una carriera macchiata solo dai fallimenti in Champions League. Tre finali disputate, zero quelle vinte. Contro il Real Madrid l’ennesima cocente delusione. Un tabù che proverà a infrangere ancora: solo in quel caso difenderà anche la prossima stagione i pali della Juventus. Altrimenti dirà definitivamente addio, tentato forse dalla MLS. O, chissà, pronto a buttarsi in un’altra carriera.

Oblak: salgono le quotazione, ma occhio alla clausola…

La concentrazione ora verte esclusivamente sui prossimi impegni. Sicuramente Gigi darà tutto sé stesso, come indiscusso leader dello spogliatoio. A lui il compito di insegnare cos’è la Juve a Szczesny, prelevato dall’Arsenal con un anno d’anticipo. Nel corso dell’anno il polacco troverà frequente spazio, un banco di prova in cui dovrà fornire risposte convincente. Il suo approdo non sbarra comunque le porte a un altro arrivo. Secondo recenti rumors riscuote consensi Jan Oblak. L’estremo difensore dell’Atletico Madrid è già una certezza sulla scena continentale, malgrado sia un classe ‘93. Assicurarsene le prestazioni significherebbe però versare l’intera clausola rescissoria da 100 milioni di euro, presente nel suo contratto. Piuttosto improbabile che la dirigenza bianconeri sborsi una simile cifra.