Grandi manovre per l’attacco della Juventus. Mancano solo poche ore alla conclusione della sessione invernale di calciomercato e molti sono i possibili movimenti nel reparto avanzato della Vecchia Signora. Uno è l’addio ormai prossimo di Vucinic che pare pronto a trasferirsi all’Arsenal con la formula del prestito. Già oggi probabilmente potrebbe sostenere le visite mediche a Londra. Anche Quagliarella è sul mercato. Pablo Daniel Osvaldo, che la Juventus vuole fortissimamente, pare davvero ad un passo. I campioni d’Italia hanno presentato un’offerta al Southampton per un prestito con diritto di riscatto con valutazione del cartellino pari a circa 12 milioni di euro. La partenza di Vucinic potrebbe dare il la alla definitiva chiusura dell’affare. L’Inter si è tuffata su Nani, ma la Juve non ha intenzione di abbandonare definitivamente quella pista. Tutto è in divenire. In quel ruolo, però, i bianconeri non dimenticano di possedere la comproprietà di giocatori giovani e di grandi prospettive che, con altre maglie, stanno vivendo una stagione particolarmente significativa. Gabbiadini, Immobile, Berardi sono calciatori per i quali si prevede un avvenire ricco di soddisfazioni e da veri protagonisti del mondo del calcio.

Gabbiadini è in comproprietà tra la Vecchia Signora e la Sampdoria e veste la maglia blucerchiata. È nato nel 1991. È una punta centrale, ma può giocare anche attaccante esterno. Il chè rappresenta certamente un aspetto gradito a Conte. Gabbiadini è dotato di un fisico eccezionale ed è molto abile di testa. È un calciatore con un grande bagaglio tecnico e soprattutto un mancino fantascientifico. È impressionante come da fermo riesca a disegnare traiettorie potenti quanto precise. È tatticamente intelligente. Poco più di una settimana  nella sfida tra i bianconeri e il club ligure, il talentino ha mostrato tutte le sue potenzialità riuscendo anche a realizzare una rete. In questa stagione sembra avere trovato  maggiore feeling con il gol: sono 6 le sue marcature nell’attuale serie A. L’attaccante ha, così, già eguagliato il record  personale.

Immobile sta sbalordendo il grande pubblico con la maglia del Torino. E’ un centroavanti, nato nel 1990, che può giocare anche seconda punta. E’ dotato di un ottimo fisico. Ha una buona velocità e una progressione potente. E’ molto generoso. Corre parecchio e cerca di aiutare i compagni anche in fase di non possesso. È forte tecnicamente e può fare reparto da solo. Trova la porta con discreta facilità e in questa stagione ha già messo a segno 10 marcature.

Berardi veste la maglia del Sassuolo ed è la vera rivelazione di questo campionato. E’ un attaccante esterno, mancino, classe 1994. E’ dotato di una velocità stratosferica che gli garantisce di essere un’arma fondamentale nei contropiedi. Possiede un’ottima tecnica. Il suo mancino è formidabile. In questa stagione ha già realizzato la bellezza di 12 reti che gli consentono di essere l’attuale vicecapocannoniere. Nonostante la tenera età si è tolto lo sfizio di realizzare un poker di gol in una stessa partita e contro un avversario prestigioso come il Milan. Un potenziale fenomeno. E’ anche il vincitore dell’Oscar del calcio 2014 come migliore giocatore della serie B, assegnato nella serata di ieri dall’associazione Italiana Calciatori.

La comproprietà di questi talenti mostra le grandi capacità degli uomini mercato di casa Juve e fornisce prospettive future davvero rassicuranti per il futuro.  Per loro si è parlato anche di un eventuale approdo in bianconero già in questa sessione di mercato, ma più probabilmente verranno lasciati crescere altrove anche per garantire loro un maggiore minutaggio ed evitare loro la pressione della maglia juventina.