E’ ormai più di una settimana che il calciomercato ha chiuso i battenti, ma l’argomento continua a tenere banco. In casa Juventus si prosegue a valutare la questione terzini. I bianconeri tengono monitorata la situazione di Dani Alves (classe 1983, terzino destro, centrocampista di destra o attaccante esterno di destra) del Barcellona. Il contratto del brasiliano scadrà nel 2015. Pare destinato a lasciare la Catalogna. Ha ricevuto offerte dagli Emirati Arabi e dal Qatar, ma vorrebbe restare in Europa. Gradirebbe, infatti, proseguire la sua carriera in un campionato competitivo e rimanere vicino ai suoi figli. I Campioni d’Italia sono alla finestra. Da valutare pure la situazione di Glen Johnson (classe 1984, terzino destro, all’occorrenza mancino) del Liverpool. Anche il suo contratto scadrà nel 2015.  La sua situazione potrebbe essere strettamente legata a quella di Lichtsteiner. Il rapporto dello svizzero avrà termine nel 2015. Il giocatore vorrebbe rinnovare, ma chiede 3 milioni di euro di ingaggio. Cifra elevata. Non solo difesa. La Vecchia Signora ha messo gli occhi su Mata (classe 1988, trequartista o attaccante esterno) del Manchester United. E’ uno dei giocatori voluti da Moyes che non rientrerebbe nei piani di Van Gaal. L’arrivo di Di Maria, Falcao e l’assenza delle coppe europee per il club inglese complicano ulteriormente la situazione. Il prezzo del calciatore si aggirerebbe intorno ai 30 milioni di euro. Su di lui si registra anche l’interesse di Valencia e Atletico Madrid.

Non solo calciomercato. In casa Juve è da tenere costantemente monitorata la questione infortunati. Ieri altri accertamenti medici hanno confermato l’edema al soleo della gamba sinistra di Chiellini (foto by Infophoto). Ora il giocatore rischia di dover saltare l’esordio dei bianconeri in Champions League in programma martedì 16 settembre allo Stadium contro il Malmoe. Problemi anche per Vidal che risente di un problema muscolare alla regione superiore della coscia destra. E’ un lottatore e la certezza è che farà di tutto per recuperare in tempo. Barzagli e Morata continuano ad allenarsi con il gruppo e per la prima uscita europea dei bianconeri potrebbero essere in panchina. Difficile vederli nell’undici titolare anche perché affrettare troppo i tempi potrebbe risultare pericoloso.

Intanto una previsione dell’Osservatorio del calcio (CIES) non fa felici i tifosi bianconeri. Secondo uno studio basato su tre fattori (lo status dei giocatori, la coesione della squadra e l’ambizione del club), la favorita allo Scudetto sarebbe la Roma. Juve e Fiorentina la seguono a ruota. L’auspicio dei supporter dei Campioni d’Italia è che questo fondazione privata affiliata all’Università di Neuchatel (Svizzera) abbia sbagliato qualche calcolo.

Stessa speranza coltiva Giampiero Boniperti, ex campione e Presidente dei bianconeri, che ha parlato a Tuttosport ‘La Juve è un club che deve partire ogni volta per vincere. Deve lottare per ogni obiettivo, in Italia come all’estero. Poi è chiaro che dipende dai periodi’. Sulla Champions ‘la Juve deve giocare per arrivare fino al fondo. Deve ragionare per andare avanti il più possibile. Questo significa avere una mentalità vincente, che è la cosa più importante di tutte al di là dell’organico. Una mentalità vincente che serve in campionato come in Europa. Dappertutto. Anche perché la mentalità vincente o ce l’hai o non ce l’hai’. Su Allegri ‘conosco la sua storia. Mi pare una brava persona e lo ritengo un allenatore all’altezza dell’impegno. E’ un allenatore giovane, ma già esperto. Ha vinto uno scudetto con il Milan. Conosce la Champions. L’esame con una big l’ha già fatto, ma ora è alla Juve. Speriamo che i suoi trascorsi in rossonero gli abbiano insegnato tante cose e che anche per questo riesca a portare avanti pure da noi un discorso serio e vincente’. Da grande esperto di calciomercato parla di Vidal e Pogba ‘Averli trattenuti è stata una grande mossa da Juve. Sono due giocatori fantastici. Indossano bene la nostra maglia. Spero che continuino a farlo nei prossimi anni, continuando a migliorare. Sono ragazzi positivi che non si fermano mai. Hanno grandi doti. Sì, sono proprio molto contento che la Juve sia riuscita a tenerli’.

LEGGI ANCHE:

Stipendi Juventus 2014: Tevez è il più pagato, seguono Buffon e Vidal, Pogba destinato a salire

Caso Chiellini: la Juventus conferma l’edema, parlano Conte e Bonucci, a Torino Evra, Pogba e Vidal

Milan caso Rami: l’indesiderata scelta di Galliani, Inzaghi medita