Un mercato dalla programmazione mirata e intelligente come quello della Juventus ha condotto all’acquisto di due giocatori di grande qualità come Miralem Pjanic e Dani Alves, soprattutto senza scucire cifre esorbitanti poiché oltretutto l’esterno del Barcellona è arrivato a parametro zero. Ora però al club bianconero serve un altro rinforzo per il centrocampo poiché c’è la necessità di sostituire Marchisio che ne avrà fino a ottobre inoltrato a causa dell’infortunio, anche per attuare un’adeguata rotazione a Khedira, Pogba e Pjanic, posto che la situazione di Hernanes e Lemina non è ancora definita.

Marotta ha identificato due profili diversi tra loro ma entrambi funzionali per il ruolo da svolgere, un veterano e un giovane di belle speranze. Uno è Javier Mascherano del Barcellona, l’altro è André Gomes del Valencia. Entrambi presentano due situazioni di diversa complessità poiché il centrocampista argentino classe ’84, dopo aver vinto tutto col club blaugrana e con un impiego a rischio visto l’arrivo del centrale Umtiti dal Lione, potrebbe essere tentato da un’avventura in Serie A che garantirebbe nuovi stimoli e, probabilmente, una seconda giovinezza. Il problema è che il suo contratto col Barcellona scade nel 2018 e i catalani chiedono una cifra importante per cederlo: circa 30 milioni di euro.

Per quanto riguarda il giovane talento portoghese invece, Gomes è legato al giro di Jorge Mendes, procuratore notoriamente interessato ad affari lontani dagli scenari economici italiani. Anche in questo caso si prospettano destini lontani dalla Serie A perché per Gomes ci sono club pronti a offrire più di 50 milioni di euro per il suo cartellino con ingaggi stratosferici da proporre al giocatore. Difficile pensare a un Valencia interessato a trattare al ribasso con la Juventus (che ha avanzato una proposta non superiore ai 30 milioni di euro) e al centrocampista che voglia rifiutare stipendi che raddoppierebbero quelli offerti dal club bianconero.