Oggi la Juventus ha conosciuto le prossime avversarie nel girone di Champions League che saranno Atletico Madrid, Olympiacos e Malmo. Intervistato da Sky, l’a.d. bianconero Marotta ha dichiarato in proposito: ‘La premessa da fare è che la Champions è un torneo. A differenza del campionato, dove i veri valori alla fine emergono, in un torneo i dettagli possono fare la differenza. Basta guardare la sfida con il Galatasaray dove giocammo su un campo impraticabile e uscimmo. E’ un girone gradito, però dovremo fare attenzione, per esempio al Malmo che è già in piena attività da mesi. Dipenderà quando li affronteremo. Noi cercheremo di onorare la maglia e ottenere una qualificazione, che è alla nostra portata’. Effettivamente il Gruppo in cui è stata sorteggiata la Vecchia Signora non pare impossibile, ma occorre fare sempre grande attenzione.

Il dirigente dei Campioni d’Italia non si è soffermato solo su questo, ma ha parlato anche di calciomercato ‘ Ci sono voci e rimane qualche giorno per le trattative, ma noi siamo competitivi con l’organico attuale, non abbiamo ceduto nessuno degli assi. Credo non ci saranno colpi a sensazione. Falcao? Non penso. Ho incontrato Mendes che è agente anche di Cristiano Ronaldo e lo cullava per andare sul palco. Non penso facesse trattative in questa sede. Ma non so le dinamiche. Conosco Mendes, questo sì, però non c’è nulla di concreto. Se sono sogni teniamoli lì, ma se vogliamo essere realisti non è un’operazione alla nostra portata. Ripeto: Falcao è un bel sogno, ma non è alla nostra portataVidal è corteggiato da sempre, ma noi abbiamo più volte affermato che non vogliamo cederlo. E non abbiamo alimentato la richiesta di un grande club europeo. A meno che il giocatore manifesti la sua insofferenza a stare qui… Ora non si può dire che possa abbandonare la Juve, sta bene qui. Luisao non è mai stato trattato con il Benfica. Barzagli è pronto a rientrare, il reparto è compatto con l’arrivo di Evra’.  Rassicura, quindi, gli juventini su Vidal. Smorza in parte il sogno Falcao.

Torna sulla questione Conte-Allegri e sul momento attuale del calcio italiano: ‘La Juve andrà meglio in Champions? Al di là dell’allenatore, questo è un gruppo collaudato che ha fatto esperienza in questi due anni, come diceva Conte. L’esperienza dell’anno scorso ci è servita. E’ un girone gradito perché siamo la Juventus e gli errori del passato ci aiuteranno per il futuro’. La speranza dei tifosi juventini è che queste parole siano trasformate in realtà. Prosegue ‘Il Napoli è stato eliminato? beh, la riflessione non è tanto sulla partita di Bilbao. In generale vediamo che con amarezza che il nostro calcio è da comprimari. Siamo da quarto posto, con due sole squadre in Champions: questa situazione non viaggia con il blasone storico della nostra nazione. Ma negli spareggi siamo sempre usciti, questo a dimostrazione che siamo comprimari. Serve fare profonde riflessioni. Si parla poco di calcio e tanto di diritti tv e altro. Calcio e risultati contano di più, poi vengono il brand e i ricavi. Ci siamo dimenticati di questo. Il gap con i grandi club europei aumenta e lo si vede nel mercato e in termini di fatturato. Ma ci sono anche circostanze favorevoli per andare avanti, come la certezza di dare il massimo. Sì, la Juve deve dare il massimo, dobbiamo essere protagonisti nel nostro girone’.

Intanto la Uefa rende note il calendario dei gironi di Champions League: ecco le sfide dei bianconeri

Juve-Malmoe 16 settembre
Atletico Madrid-Juve 1 ottobre
Olympiacos-Juve 22 ottobre
Juve-Olympiacos 4 novembre
Malmoe-Juve 26 novembre
Juve-Atletico 9 dicembre

LEGGI ANCHE:

Le avversarie della Juventus nel girone di Champions League

Le parole di Thohir

Fantacalcio serie A: al via la speciale rubrica di Leonardo.it