Il Manchester United ha presentato la sua prima proposta ufficiale per Paul Pogba, offrendo alla Juventus 80 milioni di euro. Tanti, tantissimi soldi: rimarrà da capire ora quando e se la Vecchia Signora cederà alla tentazione; nella giornata di martedì, Marcello Lippi aveva paragonato questa eventuale cessione a quella di Zinedine Zidane al Real Madrid: “Quando cedemmo Zidane, rifacemmo la squadra acquistando giocatori di qualità. E continuammo a vincere”, ha detto. Che sia la filosofia che perseguirà anche la Juventus?

Pogba, valore zero

Il diretto interessato, parlando del suo valore di mercato, dice: “Valgo zero euro, devo solo pensare a lavorare e a dare tutto in campo”, le parole di Paul Pogba. Il suo procuratore, quel Mino Raiola tanto decantato quanto ammirato per essere sempre in grado di portare ai suoi assistiti contratti faraonici, ha invece già stabilito la cifra: “Paul Pogba costa il doppio di Bale”, vale a dire 200 milioni di euro.

Sparate mediatiche o meno, sarà poi la Juventus a fare il mercato e a decidere il costo del cartellino. Il sito specializzato Transfermarkt parla di un valore di Pogba di 50 milioni di euro, per il Centro internazionale di studi sullo sport di Neuchatel, invece, ne servono altri 22.

Juventus obbligata a vendere

Sta di fatto che il Manchester United ha offerto, finora, 80 milioni di euro alla Juventus e 9 l’anno al giocatore. La notizia, rilanciata da Massimiliano Nerozzi su La Stampa, se fosse vera, vedrebbe di fatto la Juventus obbligata a cedere il giocatore: troppi soldi per Pogba e troppi soldi per la stessa società.

L’unica arma a disposizione dei bianconeri è che questa prima offerta possa scatenare un’asta, per recuperare magari 100 milioni di euro e puntare forte su Verratti e Falcao.

Photo credit: InfoPhoto