Conte ha bisogno di un esterno offensivo con le caratteristiche che ritiene fondamentali per occupare la posizione di attaccante esterno del 4-3-3. Ormai sembra chiaro da un pezzo quello che, almeno apparentemente, è l’obiettivo primario del calciomercato della Juventus. I campioni d’Italia possiedono all’interno della loro rosa Pepe, che sarebbe in grado di soddisfare le esigenze di Conte, ma ormai da un anno e mezzo il giocatore sta vivendo un calvario che non gli consente di tornare definitivamente a disposizione del suo allenatore. In alcuni casi il tecnico pugliese ha fatto di necessità virtù schierando Marchisio attaccante esterno del 4-3-3. Nelle due gare contro il Real Madrid i risultati non sono stati negativi, ma probabilmente la soluzione non convince pienamente.

Di Maria, Menez, Biabiany, Lamela, Nani, Cuadrado sono solo alcuni nomi che si sono accostati alla Juventus per occupare la posizione di attaccante esterno nel 4-3-3 ma,  per ora, nessun affare si è concluso o pare sul punto di chiusura. I campioni d’Italia, però, necessitano di un giocatore con tali caratteristiche anche in ottica di un positivo futuro in Champions League. L’esperienza europea dimostra che quando la squadra è stata schierata con quel modulo sembrava reggere meglio l’urto ed appariva più equilibrata che con il 3-5-2 devastante in Italia. A parte le compagini tricolori, sono davvero poche le formazioni importanti del Vecchio Continente che scendono in campo con una difesa a tre. Tra queste c’è il Liverpool.  Inoltre un tale affare darebbe considerevoli garanzie anche per il presente in quanto permetterebbe al tecnico della Juventus di potere avere una valida alternativa al suo abituale modulo.

Un simile acquisto, però, potrebbe richiedere una cessione sofferta nel reparto offensivo. I nomi più caldi sono quelli di Vucinic e Quagliarella. L’idea della partenza di uno dei due attaccanti è quantomeno molto fastidiosa. Infatti sia il numero nove che il numero ventisette rappresentano due alternative di primissimo valore alla coppia Tevez-Llorente ed è un lusso poterli vantare nella propria rosa. I due, inoltre, sono stati assoluti protagonisti delle recenti vittorie juventine targate Conte e l’idea di doverli vedere partire non è entusiasmante.