Continua la querelle legata al futuro di Conte e si prosegue a parlare delle varie ipotesi di calciomercato dei bianconeri. Ormai i dubbi relativi all’avvenire del tecnico paiono avere le ore contate. Giovedì scorso lui e i vertici della società si sono incontrati a Vinovo e tra saluti e abbracci hanno manifestato una certa serenità. Ieri, però, Agnelli ha affermato ‘alla Juventus nessuno è indispensabile’ (leggi qui i dettagli). I più hanno letto queste parole come una stoccata al Capitano, ma tutto è tranquillo. Il clima è pacifico. Da Pirlo a Buffon passando per Tevez tutti i giocatori paiono essere concordi nella volontà di avere alla loro guida il condottiero anche nel futuro. Non resta che aspettare ancora qualche ora, poi i nodi saranno sciolti.

Per quanto riguarda ‘il piano B’ la Juve pare valutare vari nomi. L’ipotesi Montella: ieri il Presidente della Fiorentina, Cognini l’ha confermato in viola. Per Spalletti, invece, bisognerebbe accordarsi con lo Zenit San Pietroburgo relativamente al pagamento di una clausola ai russi che libererebbe l’allenatore da loro esonerato pochi mesi fa. Il Corriere dello Sport riporta un’indiscrezione secondo la quale i bianconeri avrebbero sondato il terreno per Garcia, ma la risposta del tecnico della Roma sarebbe stata negativa.

Per quanto riguarda i vari obiettivi della Vecchia Signora i nomi sono sempre gli stessi. In via prioritaria quei giocatori che potrebbero permettere ai Campioni d’Italia di schierare un più europeo 4-3-3. Si apre la caccia ai nomi dei vari attaccanti esterni Nani, Sanchez, Cuadrado. Il cileno gioca nel Barcellona ma, secondo Tuttosport, sarebbe sul punto di lasciare la Catalogna. In bluaugrana potrebbe arrivare Cuadrado, attualmente in comproprietà tra Fiorentina e Torino. Ieri Guardiola ha scaricato Mandzukic buona fortuna a Mandzukic nel suo prossimo club’. Le parole del tecnico spagnolo non paiono lasciare spazio alle interpretazioni. Il bomber croato è da tempo nel mirino dei bianconeri e piace a Conte. Ha un ingaggio abbordabile (2,1 milioni). Si può fare. Cavani, invece, potrebbe giungere in un possibile scambio con Pogba.

Non c’è solo il calciomercato. Domani i bianconeri chiuderanno il loro campionato contro nella gara casalinga contro il Cagliari. L’aritmetica certezza del terzo storico scudetto consecutivo è già arrivata da tempo, ma alcuni prestigiosi traguardi sono ancora da guadagnare. Primo fra tutti il record dei 102 punti. La Juve non potrà comunque raggiungere lo straordinario primato europeo in un campionato a 38 giornate ottenuto dal Celtic Glasgow che nella Scottish Premiership 2001/2002 ne fece persino 103 (quel torneo è strutturato in modo diverso dai grandi classici campionati europei, ma riesce comunque a dar vita a 38 giornate di gara). I Campioni d’Italia potrebbero chiudere la serie A con 19 vittorie su 19 partite allo Stadium. I bianconeri potrebbero poi chiudere il campionato vantando anche il miglior attacco e la difesa meno battuta. Il primo obiettivo non pare poi così lontano. La Juventus ha realizzato 77 reti, la Roma 72. I giallorossi dovrebbero mettere a segno almeno 5 centri contro il Genoa, mentre gli uomini di Conte restare a secco con il Cagliari. Per il secondo occorre non insaccare reti dai sardi. La capolista ha subito 23 marcature, mentre la truppa di Garcia 24. C’è ancora una piccola speranza per Tevez di vincere la classifica cannonieri. Immobile ha realizzato 22 gol, Toni 20 e lui 19. Il giocatore del Torino salterà l’ultimo turno di campionato a causa dell’espulsione rimediata domenica scorsa contro il Parma, mentre il bomber del Verona sfiderà il Napoli.

Dopo la gara, poi, ci sarà la grande festa bianconera per lo scudetto. Come accaduto nelle ultime tre stagioni (in quella scorsa proprio contro il Cagliari allo Stadium) il Presidente della Lega, Mario Beretta, premierà i Campioni d’Italia 2013/2014. Subito dopo la squadra salirà sul pullman scoperto e si godrà l’abbraccio dei tifosi lungo le vie del capoluogo sabaudo.

Intanto, oggi Conte ha lasciato spazio allo staff medico per la classica conferenza stampa che precede le partite. Nei giorni scorsi in Cile era sorta qualche polemica per un ritardo nell’intervento al ginocchio di Vidal da parte della Juventus che avrebbe così messo a repentaglio il Mondiale per il centrocampista. I medici hanno voluto chiarire che le tempistiche sono state perfette. Hanno sottolineato, poi, che Pepe dovrebbe essere ristabilito dal suo ultimo infortunio.

LEGGI ANCHE:

Calciomercato Inter: ufficiale Livaja al Rubin Kazan