A Coppa Italia conquistata (e record stabilito: due anni consecutivi scudetto più coppa) a scapito del miglior Milan di stagione, che in tutta onestà non meritava di perdere la finale coi bianconeri, la Juventus intende proseguire la sua marcia trionfale inarrestabile alla volta dell’Europa. L’obbiettivo numero uno per la stagione 2016-2017 sarà infatti inderogabilmente la Champions League, senza ovviamente tralasciare altri trofei da mettere in carniere e senza lasciare nulla per strada. Orgoglio e ambizione che affamano ancora il club bianconero, consapevole che deve operare bene sul mercato per rafforzarsi ulteriormente e diventare la dominatrice a livello europeo e, perché no, mondiale.

Uno dei comparti clou sul quale (ri)ragionare sarà proprio quello offensivo, visto che proprio l’autore del gol partita all’Olimpico nella finale di Coppa Italia, è in procinto di lasciare Torino. Da Madrid non si sono ancora pronunciati ufficialmente ma è chiaro che, viste le premesse, dopo la finale di Champions League il Real Madrid, a prescindere dal risultato, che fa parte di un altro discorso, farà la voce grossa. La clausola inserita nel contratto di Alvaro Morata parla chiaro con la Casa Blanca che può rivendicare il diritto di recompra a 30 milioni di euro. Ma l’intenzione di Florentino Perez è quella di rivenderlo all’Arsenal per il doppio (60 milioni erano infatti stati messi sul piatto da parte di Wenger).

Ora si tratta di capire quali siano le reali intenzioni del giocatore, perché se il centravanti spagnolo decidesse per ferma volontà di rimanere in bianconero, la Juventus dovrebbe impegnarsi (in termini ovviamente economici) per bloccare questo diritto di recompra. Ma gli umori del giocatore, non proprio felice di fare panchina a Torino, pare siano più propensi ad accogliere le gioie di una nuova avventura in Premier League dove potrebbe fungere da prima scelta nell’attacco dei Gunners. A quel punto la Juventus virerebbe sull’ipotesi – sempre più concreta – di Domenico Berardi, altro “sassuolese” dopo Zaza che piace tantissimo ad Allegri e che potrebbe tornare molto utile come alternativa d’attacco. Il prezzo è già stato fissato a 25 milioni e qualcosa si muoverà di sicuro dopo il 28 maggio.