Ibra si o Ibra no. Questo è il problema. E’ rimbalzata la notizia relativa alla volontà di Zlatan Ibrahimovic di tornare a vestire la maglia della Juventus. Il giocatore l’avrebbe confidato a un suo vecchio amico e allenatore che oggi ha appena sfidato i bianconeri con l’All Star Indonesia perdendo 8-1 (leggi qui commento e pagelle dell’amichevole). La ‘bomba’ ha immediatamente fatto scalpore. In molti ne hanno parlato. Ora ci si chiede: i bianconeri sarebbero davvero disposti a tale operazione? Le doti dell’attaccante sono indiscutibili. Occorre condsiderare, però, che lo svedese non è più un giovincello (è nato nel 1981) e ha un ingaggio elevatissimo: 15 milioni. Anche se lo dimezzasse arriverebbe a 7,5 comunque insostenibile per la Vecchia Signora (occorre ammettere come Tuttosport sottolinea che forse lo svedese potrebbe, a tempo debito, anche arrivare a 5). Attualmente il giocatore è sotto contratto con il Psg e fino al 2016 non arriverebbe a parametro zero. Inoltre, già in passato, sia John Elkann che Andrea Agnelli avevano chiuso al bomber la possibilità di un ritorno in bianconero. Da non sottovalutare anche la questione tifosi. Alcuni non hanno dimenticato la fuga di Zlatan all’Inter nell’estate 2006 quando la Juve fu retrocessa in serie B e, ora come ora, sono già molto provati dall’addio di Conte e dal successivo arrivo di Allegri.Tuttosport afferma che comunque che ci sarebbe stato unplebiscito a favore dello svedese. Inoltre, già in passato, i vertici bianconeri avevano chiuso al bomber la possibilità di un ritorno. Vedremo.

Intanto E’ giunta l’ufficialità. Mauricio Isla lascia la Juventus. Il giocatore si trsferisce al Qpr con la fromula del prestito oneroso (1,2 milioni) e diritto di riscatto fissato a 10. Gli inglesi vincono la concorrenza di Marsiglia e Fiorentina. Ecco le sue prime parole ‘Sono davvero felice di essere qui. Questo è l’inizio di una nuova emozionante avventura per me. Tutti sanno che la Premier League è il miglior campionato al mondo e la proposta del Qpr è stata interessante. Sono davvero eccitato. Spero che questa stagione sia grande sia per il club che per me. Darò il 100% in ogni incontro per aiutare il Qpr in campionato’

Il cileno era arrivato a Torino nell’estate 2012 in comproprietà con l’Udinese. Nel periodo vissuto in Piemonte ha faticato a trovare spazio (condizionato in parte anche dal fatto che appena sbarcato sotto la Mole era reduce da un gravissimo infortunio), ma è comunque risucito a conquistare due Scudetti tra cui quello dei vari record (2013-2014). Nell’ultima estate è stato protagonista di un buon Mondiale in Brasile. La sua nazionale è stata eliminata agli ottavi proprio dai padroni di casa verdeoro. Durante la kermesse brasiliana la Vecchia Signora ha riscattato il suo cartellino e prestandolo evita una probabile minusvalenza.

Secondo quanto riportato da Tuttosport i tifosi non sarebbero soddisfatti delle nuove maglie dei bianconeri. Il problema sarebbe legato soprattutto alla difficoltà di lettura dei numeri e dei nomi dei giocatori. Il colore giallo pallido, in particolare, risulterebbe troppo poco leggibile sullo sfondo bianco. La polemica impazza sul web. In vista della campagna europea della Vecchia Signora occorrerà fare qualcosa.