Non c’è bisogno di scomodare la storia per capire che fatti e risultati nel calcio – come in tanti altri sport – contano più di tutto. Le quattro vittorie consecutive in campionato, dopo la sconfitta al Mapei Stadium con l’ottimo Sassuolo, rispettivamente contro Torino, Empoli, Milan e Palermo e la qualificazione agli ottavi di finale in Champions League (con la possibilità di mantenere il primato nel gruppo di qualificazione) non solo hanno raddrizzato le “storture” in seno all’andamento della Juventus d’inizio stagione ma ne hanno altresì rilanciato prepotentemente le quotazioni nella corsa scudetto.

Chi pensava in sostanza a una Juve per quest’anno fuori dai giochi per quanto riguarda la lista degli obiettivi importanti, ha evidentemente sbagliato le proprie valutazioni, poiché i bianconeri sono ancora lì, pronti a rinnovare il lancio della sfida per le questioni di vertice e in tal senso sarà di fondamentale importanza la delicatissima partita contro la Lazio in crisi di risultati all’Olimpico.

Valutazioni che, al contrario, non ha certo sbagliato chi come dalle parti dell’Old Trafford sta seriamente pensando, come riferito in un articolo di Repubblica, di avanzare la propria proposta indecente al protagonista assoluto di tutto questo, il quale dopo l’era Conte ha saputo conquistare fiducia e traguardi in casa Juve e nei confronti del popolo bianconero: Massimiliano Allegri.

Molto dipenderà dal corso della stagione in Premier League e, naturalmente in Champions League, ma la dirigenza del Manchester United è già stata esplicita nei riguardi di Louis Van Gaal: risultati o benservito, con l’olandese sormontato da una preoccupante spada di Damocle sul capo a fine stagione perché l’idea che sta prendendo forma è proprio quella di sostituire l’ex allenatore di Barcellona e Bayern Monaco con l’attuale della Juventus Max Allegri.

Il contratto che lega il tecnico livornese alla Juventus scadrà nel 2017 ma, in base alle esigenze e ai desideri di Allegri, non dovrebbero esserci problemi a un trasferimento a Manchester a fine stagione con l’ex allenatore del Milan che, dal suo canto, non ha mai nascosto di sognare un’avventura in Premier League alla guida di un prestigiosissimo club di fama mondiale. Ancora ovviamente presto per parlarne, anche perché il percorso di Allegri in bianconero, dopo aver sfiorato il triplete nella scorsa stagione, potrebbe voler raggiungere altri importanti traguardi prima di interrompersi definitivamente.