Walter Sabatini è il nuovo responsabile dell’area tecnica dell’Inter. L’ex ds della Roma si lega ufficialmente al gruppo Suning.

Sabatini in conferenza stampa

Cercherò di fare scouting sui giocatori cinesi, ho già capito che ci sono giocatori dalle ottime potenzialità ma che devono sviluppare una maggiore arroganza sul terreno di gioco e capire quanto sono forti – le prime parole dell’ex dirigente giallorosso -. Lo Jiangsu gioca sempre delle discrete partite, la classifica non rispetta il suo valore. Io ho visto che non sono mai stati cancellati dal campo ma hanno sempre lottato anche quando hanno perso”. Conflitto di interessi? Non si corre alcun pericolo: “Ovviamente non potrò esserci sempre, ci sarà qualcun altro quando non ci sarò io. Ma non voglio che lo Jiangsu e l’Inter siano discorsi separati, devono far parte dello stesso discorso. Il gruppo Suning ha grandi ambizioni e io farò il possibile per aiutarvi”. L’annuncio è stato dato dal colosso direttamente il profilo  Twitter. Da definire ancora quali responsabilità avrà in futuro.

Conte in pole, ma occhio a Spalletti…

Continua pertanto la rifondazione nerazzurra. Comunicato nella serata di ieri l’esonero a Stefano Pioli. “F.C. Internazionale Milano comunica di aver sollevato l’allenatore Stefano Pioli ed il suo staff tecnico dalla guida della prima squadra – si legge nella nota pubblicata sul sito ufficiale -. L’Inter ringrazia Stefano ed i suoi collaboratori per la dedizione ed il duro lavoro svolto per il Club durante gli ultimi sei mesi di quella che si è rivelata una stagione difficile”, si legge. “L’attuale tecnico della Primavera, Stefano Vecchi, è stato incaricato della gestione della prima squadra con effetto immediato e per le tre partite stagionali ancora da giocare. La società inizierà fin da ora a lavorare in vista della prossima stagione sportiva”. La firma di Sabatini apre la pista che porta a Luciano Spalletti. Ma il maggiore accreditato per sedersi sulla panchina interista per la prossima stagione resta Antonio Conte.