Dalla Cina con furore. Il ds dell’Inter Piero Ausilio è rientrato in Italia, dopo l’incontro a Nanchino col presidente Zhang Jindong. Un incontro dove si sono gettate le basi per un mercato estivo faraonico, con 150 milioni pronti a essere spesi.

Inter: dagli italiani Berardi e Bernardeschi al prodigio Mbappé

Come previsto, Suning stanzierà un super-budget, nella consapevolezza di aver rispettato i parametri Uefa. A fine mese discuterà i parametri per il fair play finanziario, intanto studia già i giocatori da acquistare. Obiettivo primario uno fra Berardi o Bernardeschi, forse entrambi. Monitorati per il pacchetto arretrato De Vrij e Manolas, la partnership con l’Atalanta potrebbe portare Conti a Milano. E il nome di Verratti non vai mai fuori moda. Nelle ultime ore si son fatte poi insistenti le voci che riportano un interesse per Mbappé, 18enne attaccante del Monaco. “Solo un gruppo come Suning può permettersi di cercarlo”, il commento dell’agente di Candreva Pastorello.

Ausilio: “Per l’Inter un mercato di qualità”

Ausilio ha ammesso a Premium Sport l’incontro in Cina con Suning, commentando il mercato: “Obiettivo Schick? Con Ferrero ho parlato di cinema, non abbiamo parlato di mercato. L’incontro di Nanchino con Zhang? Sarà un mercato serio: non mi piace parlare di fuochi d’artificio. Non abbiamo parlato di budget nello specifico, ma posso dire che sarà un mercato di qualità. L’obiettivo è di rinforzare una rosa già molto buona: poche cose e fatte bene, non vogliamo cambiare troppo una squadra che sta funzionando. Non abbiamo parlato di top player, abbiamo parlato di giocatori funzionali al nostro progetto: abbiamo le idee abbastanza chiare e vogliamo supportarle con i fatti. Nel reparto difensivo siamo già cresciuti molto, ma cercheremo di fare ugualmente qualcosa per migliorare. Il mio prolungamento? Io all’Inter sto bene e se ci sarà la possibilità di continuare sarò felice. Futuro di Pioli legato al terzo posto? No, questa è una società seria: il grande lavoro che ha fatto Pioli non si può ridurre in questo modo. Ora abbiamo dieci finali e poi vedremo”.