Un sì per fare il mercato, per mantenere fede agli impegni con il Galatasaray e per chiudere definitivamente una storia d’amore intensa che adesso però sta sfociando nell’odio. Questo in casa Inter. La sensazione invece è che Wesley Sneijder, che caratterialmente non è un tipino facile, stia prendendo apposta del tempo per danneggiare la società nerazzurra. Il trasferimento a Istanbul, sul piatto ormai da tempo, dovrebbe concretizzarsi a breve per il folletto di Utrecht che però rimanda la decisione per limitare i giorni a disposizione dell’Inter per fare il mercato.

Della serie ‘Tu mi scarichi, ma alle mie condizioni‘. Perchè è vero che il Galatasaray è la squadra di più alto livello ad averlo cercato (le due di Manchester, a lungo sognate, non si sono mai fatte vive), ma in fondo accettare a metà gennaio o verso il 20 o meglio il 25 del mese non cambia molto. L’obiettivo è quello di essere in forma quando ripartirà la Champions League, ossia la vetrina internazionale che rappresenta il vero interesse di Wes, interessato ai Mondiali del 2014.

Così il marito di Yolanthe ’ride sotto i baffi’ degli ultimatum di Moratti (‘Decida entro stasera‘), e rimanda la risposta di un paio di giorni ad ogni spiffero che arriva dalla Pinetina. L’obiettivo è quello di far parlare di sé per coinvolgere la squadre preferite (soprattutto la Premier League). In mancanza di quelle, va bene anche il Galatasaray, ma alle proprie condizioni. Quelle dell’Inter non interessano, all’olandese.