Nonostante l’insieme di problematiche finanziarie o, anzi, proprio in virtù di una serie di fattori finanziari da dover tener presente, il mercato dell’Inter in vista della prossima stagione si prepara ad ennesime grandi rivoluzioni. Un po’ perché quello voluto (per non dire preteso) da Mancini nell’estate scorsa era fondato sulle convenienti soluzioni del prestito ed eventuale riscatto, un po’ perché molti nuovi acquisti non hanno soddisfatto le aspettative, anche per quest’anno i tifosi nerazzurri dovranno prepararsi a una lunga estate calda, e non solo in termini di temperature.

I reparti interessati da tali grandi mutamenti sono un po’ tutti, ma particolari rivoluzioni sembrano già in atto nel comparto difensivo dove uno dei primi a poter dire addio all’Inter sembrerebbe uno dei migliori da qualche anno a questa parte: Samir Handanovic. Il portiere sloveno ha già fatto capire alla società che intenderebbe voltare pagina andando a giocare in un grande club che disputi la Champions League (sogno del numero 1 nerazzurro). Venderlo a 12-15 milioni sarebbe estremamente propizio per le finanze perché, acquistato dall’Udinese nel luglio del 2012 per 11 milioni, l’Inter ha già ammortizzato i costi del trasferimento. In sostituzione ci sarebbe Salvatore Sirigu, stanco di fare panchina al Psg e per nulla contrariato dal fatto di non giocare la Champions. A Mancini piacciono molto anche Perin e Sportriello ma Genoa e Atalanta li valutano intorno ai 10 milioni di euro. Uno sproposito.

Rischia di saltare anche la coppia di centrali sudamericani (per non dire il trio, visto che anche Juan Jesus è destinato a salutare Milano), quella sulla quale Mancini tanto aveva puntato per la rifondazione difensiva dell’Inter e che aveva fatto una strepitosa fase iniziale di campionato per poi perdere via via colpi dalla fase centrale in poi. Sia Miranda che Murillo piacciono molto ai club inglesi di Premier League che sarebbero disposti a spendere fior di milioni per averli. L’Inter però, per non trovarsi a dare la caccia a nuovi centrali difensivi per tutta l’estate, potrebbe puntare su Miranda e cedere il solo Murillo, per poi rimpiazzarlo con Bruma, magari in prestito dal PSV campione d’Olanda.

Anche sul versante terzini ci sono novità. Santon torna in Premier e Telles non verrà riscattato dal Galatasaray. Nagatomo e D’Ambrosio potrebbero rimanere perché risulterebbero senz’altro utili in una stagione che torna a contemplare gli impegni europei. Per la fascia sinistra il turco del Fenerbahçe Erkin è praticamente a un passo dalla firma mentre per quella destra il sogno di Mancini è Zabaleta del Manchester City. A Guardiola l’argentino interessa poco ma a Zabaleta, non fosse per il legame con Mancini e con Zanetti, interessa poco l’Inter perché non gioca la benedetta Champions League. L’alternativa potrebbe essere Van Der Wiel, in uscita a costo zero dal Psg ma appetito da tantissimi club che potrebbero superare tranquillamente la concorrenza nerazzurra.