Il calciomercato Inter sembra non fermarsi più. Dopo l’acquisto di Miranda dall’Atletico Madrid, quello di Murillo, il colpaccio Kondogbia e l’arrivo di Zukanovic dal Chievo, Piero Ausilio ha condotto in porto l’ennesima trattativa, quella per Giannelli Imbula. E’ notizia di pochi minuti fa che i nerazzurri hanno finalmente trovato l’accordo con l’Olympique Marsiglia per il trasferimento del mediano franco-congolese alla corte di Roberto Mancini (che oggi ha annunciato la separazione dalla moglie Federica), sulla base di un prestito oneroso a 1 milione di euro e obbligo di riscatto fissato a 19 milioni, per un costo complessivo di 20 milioni di euro pagabili in due rate. Imbula firmerà questa sera un quadriennale a 2 milioni di euro a stagione.

Nonostante la formula scelta sia apparentemente quella del prestito, l’inserimento della clausola dell’obbligo di riscatto rende di fatto Imbula un giocatore nerazzurro a titolo definitivo. L’ex OM andrà a far coppia con l’altro neoacquisto interista proveniente dalla Ligue 1, ovvero Kondogbia, nel centrocampo a due di Mancini, ma potrebbe anche essere impiegato come pivote davanti alla difesa in una mediana a tre. Unica controindicazione di una simile accoppiata: entrambi usano quasi esclusivamente il piede sinistro, non la miglior combo possibile insomma (come ben si ricorderanno i tifosi dell’Inter a proposito dei tandem Vieri-Adriano o Vieri-Recoba).

E non è finita qua. Entro sera la dirigenza interista dovrebbe portare a termine un’altra operazione imbastita oramai da diverse settimane, quella relativa al terzino spagnolo Montoya, di proprietà del Barcellona. L’agente del giocatore, Juan De Dios Carrasco, ha già confermato ai microfoni di Calciomercato.com che la trattativa è ormai giunta alle fasi conclusive: l’Inter dovrebbe acquisire il cartellino di Montoya in prestito biennale con diritto di riscatto a favore dei nerazzurri. L’annuncio è atteso in serata. E continuano i contatti con l’entourage di Salah, per un’Inter intenzionata a insidiare sin da subito il trono che la Juve ha occupato stabilmente da ormai quattro stagioni.