Anche l’Inter perde due suoi baluardi. Al termine della vittoria contro l’Udinese escono di scena Palacio e Carrizo. E probabilmente li seguirà Perisic.

Inter fra partenze certe e probabili

“Ringrazio tutti – il commento del ‘Trenza’ ai microfoni di ‘Inter Channel’ -, cinque anni per me bellissimi anche se i risultati non sono stati buoni. Giocare per l’Inter è un onore. Non pensavo di aver lasciato così tanto affetto. Ero un po’ triste in questa settimana, ma ho dato tutto e vado via contento. Ho dato tutto. Futuro? Resto in Italia, ma dove ancora non lo so. Al Milan? No, no…”. Potrebbe lasciare i colori nerazzurri anche Ivan Perisic. L’esterno d’attacco è fra i più appetibili sul mercato, e per rispettare il fair play finanziario dovrebbe lasciare Milano entro fine giugno. “In bocca al lupo ovunque andrai” è la frase con cui Stefano Vecchi – che tornerà in Primavera – avrebbe salutato il croato all’uscita dal campo. C’è un interesse del Manchester United per lui – ammette il direttore sportivo Ausilio -. Non ci sono giocatori cedibili o incedibili. Terremo i campioni, Perisic è un campione e l’Inter i campioni li vuole tenere”.

Il comunicato ufficiale della società

“Per Rodrigo Palacio sono cinque le stagioni trascorse con noi, dall’estate 2012 sino a oggi, impreziosite da 58 reti (39 in Serie A, 6 in Coppa Italia e 13 nelle competizioni europee) nell’arco di 166 partite giocate indossando la maglia numero 8 dell’Inter - la nota pubblicata sul sito ufficiale dell’Inter -. Una maglia onorata sempre, durante ogni singolo minuto di gara. Sono tanti i ricordi che ci legano al Trenza, a cominciare da quel fantastico colpo di tacco che decise il Derby del dicembre 2013. Un attaccante dotato di una intelligenza tattica sopra la media, votato al gioco di squadra e al sacrificio, capace persino di indossare i guanti da portiere in difesa dei nostri colori. Arrivato a Milano pochi mesi dopo Palacio, in questi anni Juan Pablo Carrizo ha ricoperto con estrema professionalità e spirito di gruppo il ruolo di vice-Handanovic, scendendo in campo per 26 volte tra campionato e coppe e costituendo sempre un punto di riferimento importante all’interno dello spogliatoio nerazzurro”.