L’Inter insiste per Arturo Vidal. Nelle prossime ore i dirigenti nerazzurri passerranno all’azione, con una ricca offerta per il Bayern Monaco.

Spalletti categorico: 4-5 acquisti

A Nanchino, sede del quartier generale Suning, Steven Zhang ha accolto il coordinatore tecnico di Suning Sports Walter Sabatini, il direttore sportivo Piero Ausilio, il Cfa Giovanni Gardini e Luciano Spalletti. Un vertice di mercato nel quale l’ex allenatore della Roma ha ribadito la necessità di avere 4-5 acquisti per avere una rosa di 18-20 “titolari”. Nei limiti del fair play finanziario, dal management sono arrivate rassicurazioni. Il bilancio va infatti rispettato per altri due anni, ciò non toglie che la svolta deve arrivare subito sul campo. L’obiettivo è infatti tornare in Champions League: senza la giusta dose di personalità e talento non si va da nessuna parte.

45 milioni al Bayern più 7 a Vidal

La campagna in entrate si è fermata finora a Borja Valero, Skriniar e Padelli. Due potenziali titolari e un secondo portiere. Poco, in confronto ai cugini milanisti,  autentici padroni del mercato estivo. In procinto dell’ufficializzazione Vecino, elemento affidabile, che non ha però nelle sue corde i numeri da fuoriclasse. Ecco quindi che torna d’attualità Arturo Vidal. L’Inter sarebbe disposta a sborsare 45 milioni di euro per il cartellino, a cui sommare i 7 milioni per il quadriennale al giocatore. Trattare con il Bayern non sarà semplice, ma se si aprisse uno spiraglio Ausilio e Sabatini ci si butteranno.

Cinque nomi per rinforzare la difesa

Capitolo difesa: intrigano cinque profili. Issa Diop del Tolosa, Mouctar Diakhaby ed Emanuel Mammana del Lione (oggi avversari dei nerazzurri), Aymen Abdennour del Valencia e Mauricio Lemos del Las Palmas. Qui si potrebbe anche aspettare agosto inoltrato viste le ottime risposte che sta fornendo Jeison Murillo. Il colombiano, però, piace tantissimo in Spagna e non è escluso che alla fine lasci Milano nonostante gli evidenti progressi.