L’accordo con l’esterno del Bayern Monaco Xherdan Shaqiri è sempre più concreto: Marco Fassone ha avviato – via telefono – le trattative con i dirigenti della società tedesca, e ha rilanciato l’offerta iniziale per sbaragliare la concorrenza. Se dovesse arrivare la fumata bianca, è già pronto un aereo Monaco-Milano per questa sera.

I nerazzurri non sono gli unici interessati allo svizzero che non sta trovando molto spazio nel top club di Guardiola: Liverpool e Stoke sono infatti alla finestra e non sembrano mollare la presa. Shaqiri ha fatto sapere nei giorni scorsi di preferire l’Inter al Liverpool, e quindi le componenti che faranno la differenza saranno, ovviamente, l’offerta economica dei meneghini e il rapporto fra i due club.

L’Inter ha deciso di rilanciare l’offerta iniziale per Shaqiri e, oltre ai 2 milioni di euro concordati per il prestito immediato, porta da 12 a 13 milioni di euro il riscatto obbligatorio, sempre dilazionato in tre anni, mentre al giocatore andranno 2.5 milioni a stagione più bonus a seconda dei traguardi raggiunti con la squadra. Il Liverpool mette invece sul piatto 15 milioni di euro subito per avere il cartellino dell’esterno classe ’91, a cui offre un contratto di 3 milioni di euro all’anno.

E se Shaqiri non dovesse arrivare? L’alternativa di lusso resta Lavezzi, sempre più ai ferri corti con il Paris Saint-Germain. Gli agenti di mercato di casa Inter si stanno muovendo anche negli altri settore del campo, soprattutto a centrocampo: Lassana Diarra che ha già superato le visite mediche ma si sta ancora aspettando il benestare della FIFA sul contenzioso con il Lokomotiv Mosca, interessano anche Lucas Leiva del Liverpool e Tolgay Arslan dell’Amurgo. Quasi fatta invece per Susic dell’Hajduk Vucevic.

photo credit: Calciomercato24 via photopin cc