Stando a quanto riportano i giornali inglesi, il primo vero, grande colpo di mercato della nuova era Mancini sulla panchina dell’Inter potrebbe essere Robin Van Persie. Il bomber olandese arriverà però solo a partire dalla prossima stagione, visto che ha ancora due anni di contratto con il Manchester United e rimanendo avrebbe diritto ad un bonus di 10 milioni di euro. Considerata la penuria di goal nell’ultima stagione (solo 12), i numerosi infortuni e il periodo non proprio brillante in questo campionato (3 goal), l’affare potrebbe essere più credibile del previsto.

Il giocatore, non più giovanissimo (31 anni), potrebbe voler cercare nuovi stimoli proprio nel calcio italiano, dove, con l’Inter, diventerebbe la punta di diamante della formazione targata Mancini, così da rilanciarsi proprio in vista di Euro 2016. Il neo allenatore dei nerazzurri lo conosce bene: ai tempi del Manchester City fu proprio lui, nella sua prima stagione allo United, a portare la squadra a vincere il campionato con 26 goal. E, in un campionato in netto declino come il nostro, un attaccante come lui potrebbe ancora fare la differenza a suon di goal.

Per quanto riguarda la possibile spesa, si tratta di un potenziale affare low cost. Il club milanese potrebbe infatti accaparrarsi l’attaccante per una cifra vicina ai 12,5 milioni di euro. Ma Van Persie non è l’unico nuovo nome per l’organico agli ordini del “Mancio”, che alla dirigenza per il mercato di gennaio ha chiesto anche Selcuk Inan del Galatasaray, centrocampista allenato ai tempi della sua permanenza ad Instabul.