Dopo un lungo periodo di trattative è finalmente arrivata la firma di Mauro Icardi sul suo prolungamento contrattuale con la maglia nerazzurra: il centravanti argentino rimarrà all’Inter fino al 2019 perché il suo contratto parla di una scadenza quadriennale senza clausole rescissorie con cifre che grazie a una serie di bonus a salire (legati alle reti messe a segno dall’attuale capocannoniere e all’eventuale qualificazione in Champions League) si aggireranno intorno ai 4 milioni di euro a stagione per un ingaggio quasi quadruplicato rispetto a quello di quando Icardi fu acquistato dalla Sampdoria. Il nodo sulla gestione dei diritti d’immagine, problematica che aveva lasciato in stallo la trattativa, è stata risolta suddividendo il totale degli introiti nel 50% che andrà al giocatore e 50% alla società nerazzurra. L’Inter ha comunicato la fumata bianca tramite un tweet pubblicato sul profilo ufficiale del club.

https://twitter.com/Inter/status/606213958744330241

Singolare il contesto nel quale è stata depositata la firma sul contratto poiché nell’incontro avvenuto nella sede sociale dell’Inter, oltre naturalmente a Icardi, erano presenti il dg Fassone, il ds Ausilio e Wanda Nara la quale in qualità di neo-procuratrice (sarà infatti d’ora in poi la moglie di Icardi a prendersi personalmente cura degli affari del marito) pare che abbia favorito la riuscita dell’intera trattativa, dopodiché si è complimentata con un tweet perentorio “È un rinnovo meritato, cogratulazioni!“. Ora che l’attaccante ha messo a segno il suo gol più importante dopo i 27 siglati in stagione, l’Inter può concentrarsi su un altro rinnovo eccellente, quello di Samir Handanovic.