Mancava solo l’ufficialità nell’affare tra l’Inter e la Sampdoria per Eder, e ad annunciarla è proprio il sito della società nerazzurra che, attraverso un comunicato, dichiara: “F.C. Internazionale comunica ufficialmente l’arrivo di Citadin Martins Eder dall’U.C. Sampdoria in prestito biennale con diritto di riscatto condizionato. L’attaccante ha firmato un contratto con il club nerazzurro fino al 30 giugno 2020“.

Quindi non un prestito di 18 ma bensì di 24 mesi per l’italo-brasiliano al costo di due milioni più 11,5 per l’obbligo di riscatto, per un totale complessivo di 13,5 milioni di euro con un contratto che scadrà il 30 giugno 2020. Inseguito da lungo tempo da Mancini che nell’ultimo periodo aveva ribadito fortemente la volontà di averlo al più presto tra le sue fila, soprattutto in seguito ai risultati conseguiti nelle ultime gare disputate contro Sassuolo e Carpi in campionato e Juventus in Coppa Italia.

L’augurio del Mancio e di tutto l’entourage nerazzurro è quello di avere un giocatore di grandi qualità offensive, forte nell’uno contro uno, che possa saltare l’uomo e creare superiorità numerica. Un giocatore che possa garantire gol e assist proprio in chiave realizzativa per poter agevolare quella fase di finalizzazione nella quale l’Inter sta versando in preoccupanti difficoltà.

Sono felicissimo di essere qui. Tanti anni di sacrificio nel mio lavoro mi hanno portato ad arrivare in un grande club come l’Inter“, tali sono state le prime parole in nerazzurro di Eder. Il Ceo dell’Inter Michael Bolingbroke ha dato il benvenuto al giocatore da parte di tutta la società: “Siamo contenti di accogliere Eder in squadra. È un giocatore con grandissime qualità ed esperienza internazionale. Darà una nuova dimensione al nostro gioco e sarà una soluzione in più per Roberto Mancini“. Alle 17.30 Eder sarà presentato ad Appiano Gentile con la tutt’altro che remota probabilità di vederlo in campo dal primo minuto durante il derby domenica sera.