Dopo la sconfitta contro l‘Udinese di domenica scorsa, l’Inter ha deciso di intervenire sul mercato, tentando il colpo Alessio Cerci. L’allenatore jesino ha messo al primo posto il giocatore dell’Atletico Madrid, che in questo momento non trova molto spazio nella squadra allenata da Simeone. Il giocatore, ex di Torino e Fiorentina, sarebbe disposto, secondo le ultime indiscrezioni, a tornare in patria e vestire la maglia nerazzurra.

La squadra che ha ereditato Roberto Mancini non è predisposta ad eseguire gli schemi tecnici e tattici dell’allenatore ex Manchester City, è per questo che Alessio Cerci risulta l’uomo perfetto per rappresentare la mentalità e il gioco del tecnico ed è per questo che la dirigenza interista sta cercando di affrettare i tempi per chiudere l’operazione ed accaparrarsi il giocatore, prima che si possa accendere un’asta.

L’Atletico Madrid sarebbe disposta a cedere il giocatore ma solo per una cifra adeguata al suo valore e soprattutto che non sia inferiore della spesa effettuata dai “colchoneros” nella sessione di mercato estiva. La società, capitanata dal Presidente Thohir, sembra intenzionata ad un sacrificio economico pur di far arrivare l’esterno romano alla Pinetina.

La dirigenza nerazzurra dovrà evitare di oltrepassare i paletti economici imposti dalla Uefa con il Fair Play finanziario. Gli ispettori di Nyon, la scorsa settimana hanno visionato i bilanci della società milanese. La sanzione può andare da una semplice multa, fino al blocco del mercato o addirittura alla penalizzazione nella prossima stagione.  Il d.t. dell’Inter potrebbe pensare di muoversi solo attraverso dei prestiti con diritto di riscatto, con delle contropartite tecniche oppure in caso di cessione di qualche giocatore. Nella lista di Roberto Mancini e della società nerazzurra c’è Lavezzi, alternativa naturale ad Alessio Cerci.  Ma l’Inter lavora anche sul giovanissimo Youri Tielemans (17 anni). Il giocatore dell’Anderlecht costa già 10 milioni di euro ma il talento e la giovane età, fanno avvicinare molte squadre europee.