Nonostante qualche nodo a livello societario ancora da sciogliere con il Suning Commerce Group, continuano le operazioni di mercato da parte dell’Inter soprattutto nella trattativa sempre aperta e fissa su Antonio Candreva, considerato priorità assoluta nella campagna acquisti mirata a rinforzare la rosa nerazzurra per al prossima stagione. L’esterno della Lazio e della nazionale sembra ormai destinato a lasciare il suo club d’appartenenza ma non è detto che sia l’Inter il suo club di destinazione.

A sentire il suo procuratore, Federico Pastorello, l’accordo con l’Inter parrebbe già ben avviato e in procinto di concludersi, visto che a   Fcinter1908.it ha confermato: “Stiamo lavorando per trovare un accordo, che al momento ancora non c’è. In questo momento non possiamo indicare delle tempistiche precise, non ho idea di quando potremo passare alle firme“.

Lo stesso Pastorello, sulla base di alcune considerazioni legate alla stagione non proprio esaltante da parte del suo assistito (ma della Lazio in genere) ha dichiarato inoltre che: “Candreva è un giocatore della Lazio, ma certi cicli prima o poi finiscono. Sarebbe un giocatore perfetto per il modo di giocare dell’Inter“, ribadendo appunto questo probabile futuro matrimonio con il club nerazzurro, anche se poi ha precisato che l’Inter non è l’unico club interessato a Candreva, evidenziando una concorrenza piuttosto agguerrita sul giocatore: “C’è anche da considerare il Napoli e credo arriverà anche il Milan“.

Senza trascurare poi le piste che porterebbero gli interessi su Candreva in territorio internazionale visto che sull’esterno laziale si sono fatti vivi club importanti come l’Atletico Madrid e, soprattutto, il Chelsea dove l’azzurro ritroverebbe proprio il c.t. della nazionale Antonio Conte. Allo stato attuale delle cose l’Inter offre 20 milioni comprensiva di bonus ma Lotito ne chiede almeno 25. L’affondo del club nerazzurro giungerà di sicuro alla conclusione degli Europei, quando anche giocatore e procuratore potranno concentrarsi meglio sulla trattativa.