A una settimana e poco più dalla chiusura della finestra invernale di mercato incomincia a intravedersi qualche movimento anche in casa viola con il probabile imminente addio di Giuseppe Rossi a Firenze. Sedici presenze in totale (di cui 11 in campionato, per 368′ complessivi di campo) per questa stagione e due reti messe a segno, entrambe in Europa League, rappresentano una messe invero un po’ magra per un giocatore che come lui è alla ricerca di una conferma in Nazionale per i prossimi Europei di Francia e, anche a livello personale, per lasciarsi dietro un lungo periodo costellato dagli infortuni.

Per questo Pepito, insieme al suo entourage di procuratori capitanato da Andrea Pastorello, sta seriamente valutando l’offerta del prestito con diritto di riscatto formalizzata dal Levante, per tornare a tentare l’avventura nella Liga (dopo aver militato per 5 stagioni nel Villareal), magari con più continuità rispetto alla Serie A. La trattativa sarebbe situata in uno stato di tale avanzamento che Rossi potrebbe figurare tra i convocati della delicata sfida di lunedì prossimo 25 gennaio tra i blaugrana di Levante e il Las Palmas.

Ma le sorprese per la Fiorentina non sarebbero finite perché per colmare l’eventuale vuoto lasciato da Pepito i Della Valle hanno pensato di riportare Mauro Zarate in Italia. I vertici delle due società, Fiorentina e West Ham (club detentore del cartellino dell’argentino) avrebbero trovato un accordo per il trasferimento dell’attaccante ex Lazio e Inter sulla base di 2,1 milioni di euro e un contratto biennale per il giocatore. Maurito, dopo il prestito fallimentare al QPR era tornato nelle fila degli Hammers dove stava vivendo una sorta di sua seconda giovinezza, favorito da un gran bel momento di forma andnado a segno col Leicester in Coppa di Lega e contro Arsenal, Chelsea e West Bromwich in Premier League.