Pur navigando l’Atalanta in acque torbide, Frank Kessie sta rubando la scena. Tante saranno le squadre che si butteranno a capofitto sul centrocampista alla riapertura del mercato. Intervenuto sul futuro del suo assistito George Atangana.

MEGLIO UN AMBIENTE TRANQUILLO

L’agente ha rilasciato alcune dichiarazioni sia sulla prossima partita del club nerazzurro, in programma contro il Napoli sabato 2 ottobre, sia sul futuro del suo assistito. Ecco quanto ha detto: “L’espulsione? Che somaro! É un peccato per tutti che non giochi contro il Napoli. Prima di arrivare in Italia giocava e pensava soltanto a giocare, si aspettava l’occasione giusta e quella è stata il Cesena. Kessié è un giocatore duttile bravo il mister (Drago, ndr) a farlo giocare più in avanti, i meriti vanno a lui. Richieste prima che arrivasse all’Atalanta? Confermo, tutto vero già lo scorso anno arrivarono richieste ma ho parlato con lui e coi dirigenti dell’Atalanta e abbiamo pensato che fosse meglio per il ragazzo fare un anno in Serie A a Bergamo, forse altrove non avrebbe giocato la cosa giusta era quella di farlo giocare un anno in Serie A e farlo rimanere protetto in un ambiente tranquillo”.

CORTEGGIAMENTI DALL’ESTERO

E sulle difficoltà accusate della difesa orobica: “Non è facile prendere una squadra nuova e farla rendere subito, bisogna dare tempo a Gasperini e sono sicuro che riprenderà la situazione in mano anche perché i calciatori sono con lui e farà rendere la squadra come si deve. Frank pronto per una big? Lui me lo diceva già lo scorso anno non aveva paura di mettersi in gioco anche nella Juve, nel Napoli o nella Roma per lui è uguale, non c’è fretta. Un club dall’estero si è fatto avanti? Si vero ma non ve lo dico, posso dirvi solo che ci sono una inglese e una tedesca“.