Partiamo dalla fine. L’ultima giornata di calciomercato è scivolata via tra uno scambio che non si è materializzato (Biabiany al Milan, Zaccardo al Parma) e due “colpi” che hanno il volto di Amauri (finito al Torino) e Bonaventura, quest’ultimo sbarcato proprio nella Milano rossonera. Colpi. Con tutto il rispetto, anni fa arrivavano Beckham, Kakà, Shevchenko, Ronaldo e Maradona, oggi i colpi sono Amauri e Bonaventura. Sono cambiati i tempi, inutile negarlo: alla fine, se ci pensiamo, il campione arrivato nella nostra serie A è Fernando Torres, un giocatore sul quale pende l’incognita della condizione fisica.

Biabiany Milan accordo saltato: l’incredibile storia di un povero calciomercato

Calciomercato Napoli: tutti i movimenti di mercato e la rosa definitiva

Calciomercato Inter: Guarin resta, Taider al Sassuolo, tutti i movimenti

L’Ata Hotel Executive, vicino Corso Como, ultimo giorno di calciomercato. Come sempre, più giornalisti e gente che gira “per salutare qualcuno” che altro. E tutti a dirti la stessa cosa: “Sono cambiati i tempi, non ci sono più soldi”. Un ritornello che accomuna agente, direttori sportivi e presidenti: “Mi resta solo questo ragazzo da piazzare ma non ci riesco. E sarebbe gratis, visto che c’è chi paga la sua valorizzazione”. Storie di calcio minore (ma non troppo…) che non si concretizzano. E chi gioca a Monopoli con calciatori addirittura del 2000 (un pelo piccoli, non trovate?), ecco come sempre i ritardatari: questa volta, a farne le spese, i due Gonzalez che non riescono a trovare squadra, quello che il Verona vorrebbe cedere al Cagliari e Tata in uscita dalla Lazio. Fuori tempo massimo per tre minuti, non si fa nulla. Stessa sorte anche per Paparesta, che corre verso la porta della Lega per depositare i contratti della sua Bari. Niente, non si fa. Che poi, a pensarci bene, è stato anche il mercato dei colpi mancati: Guarin, Vidal e Pogba sono rimasti dove dovevano, Cerci è andato dove si diceva da tempo e dove proprio lo spediva quel tweet maledetto di tempo fa. A Verona è sbarcato addirittura Saviola: che poi, in fin dei conti, in Italia non si sta così male.

Calciomercato Milan: giallo Biabiany, preso Bonaventura dall’Atalanta

Calciomercato Juventus: qui tutti i movimenti di mercato e la rosa definitiva