Si è chiuso ufficialmente il calciomercato estivo 2013. Di fatto, senza nessun colpo di rilievo. Già, perché nella giornata di ieri non è successo praticamente nulla di grosso: tanti colpi, tutti di fattura medio-piccola. Nel pomeriggio si era vociferato di un possibile scambio a tre tra Juventus, Roma e Genoa per Quagliarella, Gilardino e Borriello: quest’ultimo, però, sarebbe andato alla formazione ligure solo in prestito, cosa che alla Roma non andava bene. In più Antonio Conte ha detto no all’ultimo momento alla partenza di Quagliarella.

Nelle ultime ore è scoppiato il caso Berisha: il portiere albanese, tempo fa, aveva firmato un contratto con il Chievo; ieri, però, c’è stato il deposito dell’accordo anche da parte della Lazio. Il giocatore, probabilmente, sarà squalificato. Infine i delusi: Julio Cesar, Bergessio ed Hernandez, facce tristi di questo calciomercato.

E se Astori e Nainggolan sono rimasti a Cagliari, all’estero invece le cose sono state più divertenti: l’Arsenal ha preso Ozil, il Marsiglia Thauvin. Emanuele Viviano è andato anche lui all’Arsenal, mentre il Sunderland di Paolo Di Canio ha aumentato la sua colonia italiana con Fabio Borini e Antonio Dossena.