Zdenek Zeman ha rassegnato le proprie dimissioni da allenatore del Cagliari. Il tecnico boemo, appena rientrato in panchina in sostituzione dell’esonerato Gianfranco Zola, ha deciso di lasciare la squadra in quanto non sente l’appoggio da parte dei giocatori.

La notizia, ancora non confermata da parte della società, è stata rilanciata dal quotidiano L’Unione Sarda, che annuncia come Zeman abbia deciso di presentare dimissioni irrevocabili al presidente del Cagliari, Tommaso Giulini.

La notizia sarebbe stata rilanciata in quanto lo stesso Zdenek Zeman, in alcuni colloqui avuti con degli amici, avrebbe confidato di essere rimasto totalmente deluso dall’atteggiamento dei giocatori della formazione sarda, i quali non si sarebbero dimostrati disponibili a venire incontro alle sue richieste e a seguirlo negli allenamenti e nei suoi dettami tattici: “Io ho dato tutto me stesso, ora è giusto che ognuno si prenda le sue responsabilità”, riporta l’Unione Sarda.

Zdeněk Zeman, nato a Praga il 12 maggio 1947, ha iniziato la sua carriera da allenatore nel lontano 1966, guidando il Cinisi. Da lì esperienze con Bacigalupo, Carini, Misilmeri, Esakalsa , Palermo, Licata, Foggia, Parma, Messina, Foggia, Lazio, Roma, Fenerbahçe, Napoli, Salernitana, Avellino, Lecce, Brescia, Stella Rossa e Pescara.

Era arrivato alla guida del Cagliari il 2 luglio 2014 con un contratto da 360.000 euro e un bonus salvezza da 200.000 euro. L’esonero il 23 dicembre, cinque giorni dopo la sconfitta subita in casa dalla Juventus per 1-3, lasciando la squadra terzultima in classifica con 12 punti raccolti in 16 partite di campionato. Gli subentra l’ex bandiera del club sardo Gianfranco Zola, a sua volta esonerato il 9 marzo 2015 dopo sole dieci partite.