Il Cagliari ha deciso di esonerare il tecnico Zdenek Zeman; per sostituire il boemo, è corsa a tre tra Davide Ballardini, Walter Zenga e Gianfranco Zola. Gli ultimi risultati hanno fatto precipitare la formazione sarda nei bassifondi della classifica e la società ha deciso, a malincuore, di separarsi dall’ex allenatore di Roma e Lazio per tentre la risalita. Il primo nome sulla lista sembra quello di Walter Zenga, anche se la corsa è più agguerrita che mai.

La decisione finale

Zeman ha regolarmente diretto l’allenamento del mattino, poi nel primo pomeriggio la decisione: fatale, dunque, il ko interno di giovedì contro la Juventus. In mattinata, il direttore sportivo Marroccu aveva precisato: “Stiamo analizzando la situazione insieme a Zeman per capire quale sia la soluzione migliore per uscire dalle difficoltà. Solo chi non conosce Zeman può pensare a dimissioni pilotate o altre cose non lineari. Abbiamo un contatto quotidiano col tecnico perché lui insieme a noi ha creato il Cagliari di questa stagione. C’è molto di lui in questa squadra e quindi abbiamo bisogno di lui per capire. Ci sono difficoltà di classifica e ultimamente di gioco.
Con un altro tecnico l’esonero sarebbe arrivato e basta, senza cene o discorsi, ma lui è un allenatore speciale. Non c’è un conto alla rovescia, c’è una chiacchierata fra persone che si stimano. C’è sintonia con il mister, insieme stiamo capendo cosa fare. In discussione ci siamo tutti, dal direttore sportivo al tecnico: la squadra è terzultima e attraversa un momento di difficoltà
”.

Mai successi in casa

Dopo 16 giornate di campionato il Cagliari si trova al 18esimo posto in classifica con soli 12 punti conquistati, frutto di due vittorie (maturate entrambe in trasferta), sei pareggi e ben otto sconfitte. I 21 gol realizzati sono un buon bottino, troppi i 29 subiti. Dietro al Cagliari, ci sono solo Cesena (a quota nove punti) e Parma (sei).